ATA – Il futuro passa dal concorso, prima però salari dignitosi

Gentile Redazione, da più parti ormai leggiamo che è intenzione del governo quella di istituire concorsi selettivi anche per il personale ATA, facendo tramontare definitivamente quelli (i concorsi) per soli titoli che fino ad oggi hanno garantito alle scuole di funzionare sia dal punto di vista tecnico che da quello amministrativo.

Si parla dunque di concorsi selettivi ma nulla si dice di rivedere la retribuzione fra le più basse d’Europa, specie per il personale ATA. Un collaboratore scolastico guadagna circa 1000 Euro al mese, non tutti lo sanno, ma così è.

Pochi più ne guadagnano gli assistenti tecnici e gli assistenti amministrativi, per un lavoro talvolta usurante con personale sottodimensionato. Da anni subiamo tagli agli organici senza nessuna progressione di carriera degna di questo nome.

Ora arrivano i concorsi per assumere il personale ATA, per assumere collaboratori scolastici, ma ha senso?

Spero che si traduca tutto in una bolla e che resti tutto così come è, ma non vorrei che dietro a questa idea vi fosse quella di esternalizzare i servizi ad imprese private, vecchio pallino dei governi Berlusconi dei quali il ministro Brunetta faceva parte.

Ecco tutti i testi per prepararsi al concorso straordinario 2022 della scuola

Inscriviti al nostro canale Telegram e riceverai gli aggiornamenti in tempo reale.

https://t.me/informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.
Seguiteci anche su Twitter

 

Ultime Notizie

InformazioneScuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click. A differenza d'altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.