Comitato difesa PAS – LESSICO FAMILIARE, lettera al ministro Carrozza

Salve Cara Ministra, chi le scrive è una precaria di 3 fascia che vorrebbe farle conoscere la sua propria idea circa la scuola che vorrei.

In questi giorni si sta discutendo tanto di graduatorie di Istituto che saranno aggiornate in estate e riguarderà tutti i precari in possesso dei titoli che permetto di accedere ad una classe di concorso. Ne ha parlato Lei stessa cara Ministra, alla trasmissione di Fabio Fazio. Inoltre da ormai un anno, la situazione recutamento docenti sembra essere il tallone d’Achille del ministero e dei suoi segretari. I quali non sapendo piu’ forse come barcamenarsi lungo il sentiero oscuro del precariato italiano inventano, rimpolpano e mescolano le carte a loro piacimento. Senza mai tenere in conto le opinioni e le esigenze di chi la scuola la vive. Ossia i docenti che essi siano precari, di ruolo o come un miraggio per alcuni loro, quasi vicini alla fatidica pensione.
Bene, oggi pensando alla scuola in cui lavoro quest’anno (un professionale in provinci di firenze), ho riflettuto sull’idea di scuola che vorrei. Prima di tutto, occorre ridare dignita’ e valore agli insegnanti pagandoli ogni mese. Visto che ogni giorno essi lavorano, magari a chilometri di distanza da casa affrontando spese enormi. In piu’, ritornado alla questione precari e reclutamento vorrei proporLe la seguente idea, che mi son fatta in questi anni di lavoro precario saltuario e non retribuito entro i termini come i colleghi di ruolo. Con i quali ugualmente si portava e si portano avanti progetti scolastici, lezioni, consigli e tutte le difficolta’ che oggi la scuola vive! Se si crede che i precari siano tanti e per questo non spendibili tutti a breve termine dando loro un posto a tempo indeterminato, perchè allora non inserli in un contesto scolastico pomeridiano? Adesso Le illustrero’ la mia idea-scuola in modo dettagliato. Potrebbe occupare i precari di 3 fascia inserendoli in corsi pomeridiani di sostegno-compiti, utili ed indispensabili per coloro che non hanno le possibilita’ economiche tali da permettersi insegnanti privati. Potrebbe far fare loro anche in stanze poco arrangiate per il seguente scopo, laboratori di storia, storia dell’arte , di tecnica, chimica e lingue. Con l’obiettivo di creare ambienti che stimolino i ragazzi ad andare a scuola volentieri e non vederla come luogo di noia. Inoltre, sempre in stanze anche se non affini a tali ruoli, anche fosse uno scantinato….creare mini laboratori di musica e di lettura di opere letterararie italiane e straniere . Laboratori che potrebbero continuare sino a luglio e concludersi con esibizione degli stessi alunni per raccogliere fondi da destinare alla propria scuola. Denaro che potrebbe esser impiegato all’acquisto di materiale utile per il recupero pomeridiano o di strumenti anche se sciocchi , che servano ai docenti e ai ragazzi durante i loro laboratori. Eh perchè no, per compare anche carta igienica, toner….Infine, per quanto riguarda l’educazione fisica importante per diminuire problemi di peso…e tutto cio’ che gira intorno e garantire così meno spese per il settore sanita’, potrebbe farsi’ che venga svolta il pomeriggio fuori orario scolastico. In modo che anche le famiglie, che non possono spendere 200 euro al mese per la palestra del figli, abbiano la possibilita’ di far fare loro sport ad esempio nelle piscine comunali, ormai in alcune citta’ fuori uso.
Che ne pensa, cara Ministra?
I genitori avrebbero la sicurezza che i loro figli il pomeriggio non siano a zonzo..e noi precari potremmo dare il meglio, lavorativamente e umanamente parlando… Per realizzare cio’, credo sia arrivato il momento di investire sulla scuola, sul materiale umano che vi lavora. In tal modo potremmo essere competitivi come l’europa ci sta chiedendo da sempre. Grazie. Spero di aver una sua opinione a riguardo.

 

COMITATO DIFESA PAS

Ultime Notizie

Informazione Scuola, l'informazione della scuola libera. A differenza di altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *