DIPLOMATI MAGISTRALE – Il 27 aprile potrebbe essere una data nefasta

Ricorsi e controricorsi, in questo caso non si tratta di questioni che hanno a che fare con la storia, ma di vite di persone, di lavoratori e lavoratrici. Si tratta dei diplomati magistrali, di maestre e maestri, di gente che sorregge la scuola ed è in prima linea tutti i giorni. Sono il primo baluardo dell’educazione e della formazione dei nostri figli, meriterebbero rispetto e riconoscenza, invece rischiano di essere beffati da un governo che prima li sfrutta e poi li getta via come fossero stracci.

“Il 27 aprile 2016 – scrive su La Tecnica della Scuola Carmine Nicoletti –  arriverà la decisione dell’assemblea di adunanza plenaria del Consiglio di Stato, che una volta per tutte deciderà se le sentenze che hanno inserito i diplomati magistrali in Gae siano legittime o meno, confermando o ribaltando le decisioni assunte in tutte nelle sedi giudiziarie”.

Questo significa che potrebbero essere, in caso di decisione contraria, tutte le sentenze che hanno visto l’inserimento in GaE dei diplomati magistrale, oppure l’immissione di tutti coloro i quali non lo siano ancora.

“Le associazioni che tutelano il diritto dell’inserimento in gae dei diplomati magistrale paventano – continua l’articolo – che il 27 aprile prossimopossa esserci una bocciatura definitiva dell’assemblea plenaria del consiglio di stato sulla questione, e che quindi anche in sede giudiziaria potrebbe più non essere riconosciuto il sacrosanto diritto di questi docenti ad accedere alle graduatorie ad esaurimento.

Se così fosse, cosa succederebbe per i tanti ricorrenti che, inseriti in gae per sentenza sono stati successivamente immessi in ruolo? Dovranno recedere dal contratto a tempo indeterminato stipulato con l’amministrazione scolastica? Certo, la situazione è ingarbugliata non poco, per usare un eufemismo. Ed a proposito di assemblea plenaria del consiglio di stato, in molti, sembrerebbe, abbiano criticato non poco la nomina diretta da parte di Renzi di Alessandro Pajno come presidente del Consiglio di Stato”.

Ultime Notizie

Informazione Scuola, l'informazione della scuola libera. A differenza di altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *