Docenti precari di III fascia: Il TAR accoglie i primi decreti cautelari dei ricorsi presentati dal Sindacato La Voce dei Giusti e patrocinati dallo studio legale Avv. Michele Bonetti & Partners

Pubblichiamo il comunicato inviatoci dal sindacato “La voce dei giusti” circa l’accoglimento del ricorso relativo ai corsi di specializzazione sul sostegno precluso ai docenti di terza fascia.

Di seguito il comunicato
In data 21 dicembre 2013 L’associazione Sindacale la Voce dei Giusti ha ottenuto il primo accoglimento, mediante il ricorso patrocinato dall’Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia dello studio legale Avv. Michele Bonetti & Partners, sulla nota vicenda dei corsi di specializzazione del sostegno, il cui accesso è precluso ai precari della terza fascia.

La vicenda concerne, appunto, il caso dei docenti precari di terza fascia, ingiustamente ritenuti non abilitati e qualificati, pur se talvolta in possesso di un Diploma Magistrale, il cui valore è stato pienamente riconosciuto dal Parlamento Europeo o di esperienza pluriennale lavorativa nella scuola anche specificatamente nel sostegno, a cui è negato l’accesso ai corsi di specializzazione per il sostegno stesso.

Ciò avviene anche quando vi sono meno domande rispetto ai posti disponibili in quanto il decreto ministeriale, poi ripreso dai bandi di tutti gli Atenei, impedisce l’accesso alle prove ai soggetti privi di abilitazione.

“E’ un cane che si morde la coda” riferiscono i legali della Voce dei Giusti, gli Avv.ti Michele Bonetti e Santi Delia, “in tal modo il Ministero impedisce a lavoratori della scuola di provare ad uscire dalla loro condizione di precariato. Ciò avviene nonostante anni ed anni di onorato servizio nella scuola pubblica italiana, a volte proprio per il sostegno”, e il tutto violando norme nazionali, comunitarie e diritti acquisiti.

Francesca Bertolini (Presidente Associazione La Voce dei Giusti)

Ultime Notizie

InformazioneScuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click. A differenza d'altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.