Prima si prepara l'opinione pubblica e poi si tagliala scuola, lo sa bene anche la moglie di Enrico Letta

Prima dei tagli oerati dalla Gelmini l’opinione pubblica venne martellata con video di bullismo scolastico raccattati qua e la sul web e trasmessi in TV. Si descriveva la scuola come un luogo dove non si apprendeva ma si facevano le peggior cose con professori seduti alla cattedra svogliati e fannulloni, poi, convinta l’opinione pubblica si iniziò a tagliare, a riformare dicevano. Questa tecnica deve averla appresa anche la signora Letta che sul Corriere della Sera scrive che “A Scuola c’è un anno di troppo”.
L’articolo lo pubblichiamo per intero sul InformazioneScuola.it

Farebbe la felicità dei ragazzi e, secondo una parte consistente di pedagogisti ed esperti, anche

il loro bene. Sarebbe una boccata d’ossigeno per le casse dello Stato: risparmio stimato, tre

miliardi. Piace ai professori universitari e agli imprenditori. Contrari «senza se e senza ma» i

sindacati degli insegnanti. I ministri dell’Istruzione da dieci anni a questa parte sono personalmente

favorevoli, ma il dibattito politico è fermo da quando, nel 2001, fu sotterrata la riforma Berlinguer.

Stiamo parlando di uscire da scuola un anno prima, a 18 invece che a 19 anni: in linea con gli altri

Paesi europei e con gli Stati Uniti, nonché con il gigante cinese. Il modo più semplice sarebbe

tagliare un anno di superiori. Finora il liceo di 4 anni è stato avviato a livello sperimentale solo da

alcune scuole paritarie lombarde con l’ok del ministero. Visitando il liceo Guido Carli di Brescia il

ministro competente, Maria Chiara Carrozza, ha detto che, se ci fosse stata questa possibilità ai suoi

tempi, lei avrebbe volentieri «studiato in una scuola come questa». Alcuni presidi di licei e istituti

tecnici statali, da Verona a Bari, l’hanno presa in parola: dall’anno prossimo la secondaria superiore

di 4 anni parte anche nelle scuole pubbliche.

In realtà, la rimodulazione dei cicli scolastici era diventata legge già nel 2000 (legge n. 30),

ministro Luigi Berlinguer: le superiori rimanevano di 5 anni, ma medie ed elementari erano

accorpate in un ciclo unico di 7 anni. La riforma fu seppellita da Letizia Moratti, arrivata a viale

Trastevere nel 2001. Nemmeno la Gelmini volle esercitare le sue forbici sul percorso dalle

elementari alle superiori. L’ultimo a esprimersi a favore di una riduzione del curriculum dei liceali è

stato Francesco Profumo, che lo aveva indicato tra le priorità del 2013. Ma le forze politiche su

questo tema sono in difficoltà, perché, come dimostra anche il destino della riforma Berlinguer, i

sindacati fanno muro sulla riduzione di un anno, temendo il taglio degli insegnanti: «In questo

momento non ci sono le condizioni, prima servono investimenti per la scuola», è la riposta della

Flc-Cgil. Non è un caso che nei programmi dei partiti non si parli della riduzione da 13 a 12 anni

del percorso scolastico, ma tutt’al più, nel programma del Pdl, si trovi l’anticipo a 5 anni della

scuola elementare: un modo per raggiungere l’obiettivo del diploma a 18 anni aggirandone i costi

politici.

Fuori dai nostri confini ci sono altri Paesi, per la verità non molti, in cui la scuola inizia un

anno prima: l’Inghilterra con Malta e Cipro, e l’Irlanda del Nord, dove addirittura si incomincia a 4

anni (gli Stati Uniti, invece, partono dai 6 come noi; idem la Francia, il Belgio, la Spagna, la

Germania, l’Austria). Ma quest’ipotesi non incontra il favore dei pedagogisti. Spiega Susanna

Mantovani, professore ordinario di Pedagogia generale alla Bicocca di Milano: «I Paesi che hanno i

migliori risultati nei test Ocse, come per esempio la Finlandia, iniziano addirittura a 7 anni. E poi,

avendo noi una buona scuola dell’infanzia, mi pare illogico tagliare un anno all’inizio del percorso

scolastico solo perché il liceo in Italia è sacro». Luigi Berlinguer taglierebbe semmai l’ultimo anno

di scuola elementare. O meglio: «Lo si potrebbe accorpare alla prima media — spiega a “la Lettura”

l’autore dell’inapplicata riforma del 2000 — per un passaggio più morbido tra l’educazione

primaria e quella secondaria-disciplinare. Ormai gli istituti comprensivi, dove elementari e medie si

trovano anche fisicamente nello stesso posto, sono molti. Cinque scuole hanno chiesto questa

sperimentazione, ma il ministero non ha dato il permesso».

La soluzione più a portata di mano resta quella di rivedere i programmi delle superiori e

tagliare a fine percorso. Non solo perché, come spiega Mantovani, che per anni è stata contraria a

questa ipotesi, ma ora ha cambiato idea, oggi «i ragazzi sono stufi, privi di motivazione e questo

dimostra che il vecchio impianto gentiliano è affaticato». L’ultimo «dovrebbe diventare un anno di

passaggio — suggerisce — in cui si esce dalla gabbia dei programmi per incominciare a nuotare da

soli: si potrebbe anche pensare che chi è pronto si iscriva subito all’università». Per Andrea Gavosto

della Fondazione Agnelli non è tanto questione di risparmi (per lo Stato) o di non perdere tempo

nell’ingresso del mondo del lavoro: «Questo tema riguarda soprattutto i laureati, che si confrontano

con i loro coetanei stranieri; molto meno invece i diplomati, che restano a lavorare in un ambito

locale. E per i laureati i ritardi maggiori si accumulano all’università». Il punto è, secondo Gavosto,

«che il nostro sistema distribuisce l’investimento sul capitale umano, cioè l’istruzione, in un modo

che funzionava 50 anni fa. Oggi i ragazzi nell’ultimo anno di superiori si annoiano: vorrebbero

andare all’estero e invece sono lì bloccati. Sarebbe molto più utile riservare un anno di istruzione o

formazione da poter usare durante l’esperienza lavorativa, sul modello anglosassone o scandinavo

dei prestiti di onore».

Qualche esperimento di anticipare l’università al quinto anno di scuola superiore è in corso.

Quello di Ca’ Foscari per esempio: in tre licei veneti durante l’ultimo anno si può frequentare anche

un corso universitario. Chi passa l’esame ha un credito per l’anno successivo, insomma un esame

fatto. Anche vista dal mondo accademico infatti, la riduzione del curriculum scolastico è necessaria.

«È dimostrato — spiega Alberto De Toni, rettore dell’Università di Udine e responsabile istruzione

e alta formazione della Conferenza dei rettori — che la divisione del percorso in due cicli

diminuisce la dispersione scolastica e dunque il sistema 7+5 sarebbe più utile per gli studenti e le

famiglie. In Italia viviamo poi anche il paradosso che, essendo l’istruzione obbligatoria fino a 16

anni e ricevendo invece i ragazzi la qualifica degli istituti professionali a 17, almeno il 20% dei

ragazzi dei professionali lascia prima di ricevere la qualifica, alla fine del secondo anno. Se

iniziassero un anno prima, a 16 anni potrebbero avere il diploma. Ridurre di un anno il curriculum

scolastico poi è un bel risparmio anche sociale e per le famiglie e a 21 anni avremmo dei laureati

(laurea breve) come nel resto d’Europa».

Oltreconfine gli ultimi a passare da 13 a 12 anni di scuola sono stati i tedeschi. I Land hanno

avviato in ordine sparso una (contestata) riforma che accorcia il percorso del cosiddetto Gymnasium

(medie più liceo), portandolo da 9 a 8 anni. Ma i programmi sono rimasti gli stessi ed è aumentato il

carico orario (e lo stress) per i ragazzi. Di qui, le critiche. In Francia la scuola dell’obbligo dura 11

anni (5 di elementari, 4 di medie, 2 di liceo), che diventano 12 per chi vuole fare l’università: in

quel caso è necessario passare l’esame di maturità (il Baccalauréat) che si consegue solo al termine

del terzo anno di liceo (a 17-18 anni). Gli inglesi cominciano un anno prima, a 5 anni, ma la loro

lower school (le elementari) dura un anno in più (6 in tutto). A undici anni passano all’upper school,

divisa in 3 anni di scuola media e due di liceo, alla fine dei quali c’è il Gcse, l’esame che conclude

la scuola dell’obbligo (a 16 anni). Seguono due anni di specializzazione pre-universitaria, dove si

studiano solo 3-4 materie, e che si concludono a 18 anni. Infine gli americani: 12 anni di scuola

dell’obbligo divisi tra elementari (5), medie (3) e liceo (4), ma l’ordinamento federale è molto poco

vincolante. A parte l’età minima di 16 anni, tutto il resto (inizio del percorso accademico,

programmi, insegnanti, finanziamento) lo decidono i board dei distretti scolastici, che hanno

l’autonomia assoluta impensabile nei Paesi europei: per esempio in Kansas e in altri Stati della

Bible Belt, la fascia di più intensa presenza di cristiani evangelici, le scuole non insegnano la teoria

dell’evoluzione di Darwin perché confligge con il creazionismo.

Senza arrivare a questi estremi, riscrivere i programmi e rimodulare la scuola in Italia forse

sarebbe a portata di mano. Anche perché, a sentire Alberto De Toni, l’occasione per

«internazionalizzare» il curriculum scolastico senza provocare sconquassi tra gli insegnanti ora ci

sarebbe: «Se si arrivasse a ridurre il liceo a quattro anni — spiega De Toni — gli insegnanti in

esubero potrebbero utilmente essere chiamati a insegnare negli Its, gli Istituti tecnici superiori ad

alta specializzazione tecnologica, creati con la riforma Gelmini e partiti tra gli stenti (formano non

più di 5 mila studenti) e senza fondi, che invece avrebbero bisogno di moltiplicare i posti per i

ragazzi».

Contrario è Raffaele Mantegazza, docente di Pedagogia generale e sociale alla Bicocca, che

però rivoluzionerebbe l’intero ciclo di studi, cambiando quello che oggi è considerato il buco

nero della scuola italiana, le medie, per farne invece il fulcro del percorso. «Partiamo dai bisogni

dei ragazzi: manca una scuola della preadolescenza che aiuti i teenager a elaborare il periodo dagli

11-12 anni ai 15-16. Caricare su un tredicenne (e sui suoi genitori) il peso della scelta del proprio

destino è sbagliato: come si fa, a quell’età, a scegliere il liceo coreutico o lo sportivo?». L’idea è

dunque quella di un primo ciclo di cinque o sei anni; poi quattro anni di media unica con latino per

tutti «perché aiuta a ragionare e a imparare l’italiano». Infine i tre anni di superiori: «Penso a un

modello flessibile in cui si fanno delle ore di scuola, degli stage in azienda, magari anche un mese

all’estero e si comincia anche a frequentare l’università». Ma così si va troppo lontano: una riforma

che toccasse tutti gli ordini di scuola difficilmente uscirebbe intatta dal Parlamento.

Gianna Fregonara e Orsola Riva

Ultime Notizie

Informazione Scuola, l'informazione della scuola libera. A differenza di altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *