Home Notizie Detassazione delle Tredicesime 2023 dei pensionati, Cosa Pensa di fare il governo?

Detassazione delle Tredicesime 2023 dei pensionati, Cosa Pensa di fare il governo?

Tredicesime 2023 INPS, come cambia in seguito alla detassazione?

Detassazione delle Tredicesime 2023 dei pensionati, Cosa Pensa di fare il governo?

Negli ultimi tempi, l’argomento delle tredicesime 2023 dei pensionati è stato al centro del dibattito politico italiano. Il governo Meloni sta valutando un’ipotesi di detassazione delle tredicesime come parte di un più ampio piano fiscale. Questa misura è stata discussa e analizzata nell’ultima bozza della legge sulla delega fiscale, che è stata approvata definitivamente dal Parlamento.

Leggi anche: Pensione INPS ottobre 2023 più ricca, ecco la nuova tabella con gli aumenti

L’obiettivo principale di questa proposta è affrontare la perdita del potere d’acquisto delle pensioni e degli stipendi, fornendo un sollievo fiscale ai pensionati e ai lavoratori. La detassazione delle tredicesime rappresenterebbe una forma di aiuto concreto per i cittadini italiani.

Tuttavia, ci sono ancora molte incertezze legate a questa misura. Una delle principali preoccupazioni riguarda le risorse finanziarie disponibili per attuare questa detassazione. L’Italia è attualmente alle prese con l’aumento dei tassi d’interesse, che comporterà una spesa aggiuntiva di circa 14-15 miliardi di euro in interessi sul debito pubblico. Questo ha portato alcuni funzionari di governo, come il viceministro Maurizio Leo, ad esprimere preoccupazioni sulla fattibilità finanziaria dell’operazione.

Tuttavia, l’ipotesi di detassazione delle tredicesime rimane sul tavolo del governo. Attualmente, si sta valutando la possibilità di ridurre l’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) al 15%. Questa aliquota è notevolmente inferiore rispetto a quella attuale, che varia dal 23% al 43% a seconda del reddito. Inoltre, il taglio potrebbe coinvolgere anche i pensionati, sebbene al momento si tratti ancora di un’ipotesi.

La prossima fase cruciale riguarderà l’avvio della sessione di bilancio a fine settembre, quando il governo presenterà la Nota di Aggiornamento al Documento di Economia e Finanza (NADEF). Questa nota servirà come punto di partenza per la legge di bilancio del 2024 e dovrebbe fornire maggiore chiarezza sugli effetti della riforma fiscale sui redditi dei lavoratori e delle pensioni, preferibilmente a partire dal prossimo anno.

Inoltre, il viceministro Leo ha sottolineato che la detassazione delle tredicesime potrebbe essere attuata solo nel 2024, non nel 2023, poiché sarà necessario valutare attentamente le risorse disponibili durante la sessione di bilancio. Tutto dipenderà dalla quantità di fondi stanziati per la prossima legge di bilancio.

In sintesi, la detassazione delle tredicesime rappresenta un’ipotesi interessante per alleviare la pressione fiscale sui cittadini italiani, ma rimangono incertezze legate alle risorse finanziarie e ai tempi di attuazione. Il governo Meloni sta cercando di alleggerire il peso delle tasse per lavoratori e pensionati, ma i dettagli esatti di questa misura dovranno essere ancora definiti. La speranza è che questa proposta possa portare un maggiore benessere economico per i cittadini italiani a partire dal 2024.

SBC: deludente incontro sindacati Valditara

InformazioneScuola  grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di  Google News , per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Iscriviti al gruppo   Telegram: Contact @informazionescuola

 

Iscriviti alla nostra  pagina Facebook .

Seguiteci anche su  Twitter

Exit mobile version