Press "Enter" to skip to content

DIVENTARE INSEGNANTI – TFA e PAS uguale valore delle abilitazioni

Share

Riportiamo il documento della UIL Scuola relativo alla valorizzazione dei docenti e alla loro assonzione in ruolo. Un particolare che va sottolineato riguarda gli abilitati PAS e TFA per i quali il sindacato chiede uguale valore dell’abilitazione, viene richiesta anche una fase transitoria.

Ecco per intero il documento della UIL

Dare ruolo e centralità agli insegnanti e alle scuole
Formazione iniziale e reclutamento non siano disgiunti

Nella fase transitoria garantire il precariato

Una buona scuola dipende principalmente dagli insegnanti, dalla loro professionalità e dal loro impegno. I governi devono garantire  l’aggiornamento professionale, la formazione continua, un quadro certo che preveda  contestualmente formazione iniziale e assunzioni.

Va rafforzata la professionalità e vanno riconosciuti  status e  funzione sociale.

Attualmente il sistema è fuori controllo: tanti interessi apparentemente contrapposti, di abilitati, abilitandi, specializzati e specializzandi, vincitori di concorso ecc. a vario titolo inseriti in graduatorie ed elenchi che molto complicano le aspettative e le possibili soluzioni ai problemi.

 Nell’ immediato occorre  orientare l’azione politica verso un meccanismo che preveda un totale cambiamento ed una  fase transitoria di assorbimento del consistente precariato, aumentato a causa di scelte spesso confuse.

Il reclutamento deve  valorizzare la specificità dell’esperienza scolastica  con modelli che favoriscano il raccordo tra azione didattica e professionale, fondata sulla  stabilità di organici  funzionali e  pluriennali, che diano continuità al servizio ed al progetto, cui devono corrispondere contratti a tempo indeterminato o, comunque,    pluriennali.

Va mantenuto il meccanismo del reclutamento avviato dalla legge 124/1999, con  cui l’accesso ai posti è suddiviso in parti uguali tra chi proviene dalle graduatorie ad esaurimento e dal concorso.

Va  individuato un nuovo rapporto tra formazione iniziale e  reclutamento secondo tempi  e modalità di immediata corrispondenza tra le due fasi. Vanno  evitati i meccanismi  che spostano impropriamente i costi a carico dei precari  e dei giovani aspiranti insegnanti (già laureati) a vantaggio delle università.

Il legame tra formazione iniziale e reclutamento si rafforza riconoscendo il ruolo delle reti di scuole, consentendo  un uso flessibile delle risorse.

La scuola è sede di elaborazione didattica e di ricerca educativa, quindi deve essere anche   contesto  formativo per i suoi operatori, a partire dalla formazione iniziale.

Un provvedimento  per modernizzare il sistema

E’ forte l’esigenza di un provvedimento normativo che cambi sistema. Occorre prevedere una fase concorsuale unica, abilitante e per le assunzioni. Con l’attuale sistema un giovane laureato per accedere all’insegnamento  deve superare una selezione che consente l’ammissione ad un percorso abilitante a pagamento (circa tremila euro) gestito dalle università, che grava finanziariamente sulle famiglie, superato ciò deve partecipare ad un altro concorso per essere assunto. Deve poi  applicarsi in un anno di formazione ulteriore per la conferma in ruolo. Tranne l’ultima,  le diverse fasi del percorso sono condotte fuori dalla verifica e dalla esperienza scolastica.

Noi proponiamo un sistema più semplice.
Concorso ed abilitazione in un’unica fase con modello di accesso simile a quello della magistratura. La verifica, con attività di tutoraggio, va condotta a cura delle scuole, da parte degli insegnanti, per la durata di due anni.

Fase transitoria

Nella fase transitoria va garantito il precariato attraverso le attuali graduatorie ad esaurimento e riserva per le assunzioni per i nuovi abilitati, TFA e PAS, con uguale valore delle abilitazioni.

Va evitato il protrarsi di una situazione che vede i docenti precari impegnati in una corsa all’ultimo punto per salire in graduatoria.

Una sorta di tassa sul precariato che i precari debbono pagare per frequentare corsi costosi,  non sempre di qualità, la cui finalità è dare punti senza  garantire un posto di lavoro.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.