Press "Enter" to skip to content

Emergenza ATA – Il MIUR convoca i tavoli tecnici

Share

 

FLC CGIL Durante l’incontro al MIUR del 7 ottobre scorso avevamo subordinato la conciliazione alla convocazione urgente di tavoli tecnici di lavoro per trattare alcune delle tematiche poste al centro della nostra mobilitazione.

Talune erano, infatti, legate alla conversione del decreto legge sull’Istruzione (DL 104/13) altre invece, per le quali occorre un percorso più lungo e articolato, saranno oggetto di discussione in specifici tavoli tecnici che il Ministero si è impegnato con noi ad attivare.

Il MIUR ci ha fatto sapere che il prossimo appuntamento per stabilire una calendarizzazione sugli argomenti in esame, tra le organizzazioni sindacali e l’Amministrazione, sarà il 17 ottobre alle ore 10.00, presso il Gabinetto del Ministro.

A tale proposito abbiamo anche richiesto l’intervento dei capi Dipartimento, data la peculiarità delle questioni da affrontare, che interessano più ambiti e vanno affrontate in modo puntuale e approfondito per arrivare a districarne tutti gli aspetti.

Queste le questioni che, come da noi richiesto da tempo, saranno oggetto di tavoli specifici:

  • indennità agli assistenti amministrativi che sostituiscono i DSGA;
  • confronto tra Centri ministeriali e Scuole autonome ed emanazione di linee guida per alleggerire il peso della burocrazia;
  • concorso ordinario e riservato DSGA;
  • revisione tabelle organici;
  • modifica del Regolamento sulle supplenze ATA.

Le problematiche poste sono urgenti, sono bloccate lì da troppo tempo e la loro soluzione non è più rinviabile. La calendarizzazione vuol dire, finalmente, mettere in agenda degli impegni specifici nel prenderle in esame, preparare una base di lavoro sulla quale poter ragionare assieme all’Amministrazione per arrivare in tempi definiti ad una soluzione, senza ulteriori perdite di tempo.

E’ un anno che stiamo sollecitando il confronto su tutte queste faccende, la convocazione è il risultato delle nostre battaglie per la difesa della dignità del lavoro e della  qualità dei servizi della scuola pubblica. Era ora che anche il Ministero se ne facesse carico e mettesse in campo delle azioni concrete in questa direzione.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.