Home Studenti ESSERE INSEGNANTI. ESSERE ALLIEVI. UN BREVE SCRITTO DI UNA ALLIEVA

ESSERE INSEGNANTI. ESSERE ALLIEVI. UN BREVE SCRITTO DI UNA ALLIEVA

test preselettivo tfa sostegno

Vi sono tanti che, purtroppo, non riescono a comprendere cosa significhi veramente “essere insegnanti”. Quei “tanti”, a volte sono insegnanti. A volte.
Noi “insegnanti” abbiamo contatto con individui veri. Non di quelli che si possono trovare sui videogiochi, che possono “morire” e basta un “push” per far ritornare in vita. I nostri allievi sono teneri esseri umani, che si “formano” nel magma del nostro “sociale”. Il virtuale imperversa nelle loro vite, la pubblicità gli offre realtà del tutto o in gran parte distorte, fasulle; la politica viene letta in differenti chiavi di lettura, ma resta, molto spesso, ciò che è: inconoscibile. Quanto la religione. Quei nostri ragazzi vengono a scuola da noi e noi insegnanti proviamo a comprenderli, ma prima di tutto, facciamo il possibile perché si comprendano e trovino uno spazio non virtuale nel mondo in cui vivono. Martina Iannone, di cui desidero pubblicare un breve testo, è uno di quegli allievi. Bella, tenera e forte, studentessa di liceo al Vomero (Napoli). Ha fatto e “messo giù” alcune riflessioni che penso siano importanti da leggere, anche per fare sì che non si pensi, con troppa facilità “dei giovani” le cose stereotipate e false che si pensano, troppo spesso e con facilità, di noi insegnanti. Bianca Fasano.

“I veri eroi sono quelli che ogni giorno si alzano dal letto e affrontano la vita anche se gli hanno rubato i sogni e il futuro.Quelli che alzano la saracinesca di un bar o di un’officina,che vanno in ufficio,in una fabbrica. Che non lottano per la fama o la gloria, ma per la sopravvivenza.”
Fabio Volo.

Martina Iannone

E’ così!! Siamo noi gli eroi, giovani studiosi in cerca di uno stile di vita dignitoso e sicuro, ragazzi che lottano ogni giorno contro un’istituzione che gli sta togliendo il diritto alla cultura, un’istituzione che gli sta portando via il futuro. Ragazzi che abbandonano case e famiglie per inseguire sogni altrimenti inesistenti, ragazzi che vorrebbero solo poter dimostrare di esistere, che non è tutto finito, che siamo noi gli artefici del nostro destino e nessun altro.
Ma poi ogni voce viene smorzata, ogni lettera strappata e buttata via, ogni idea dimenticata e veniamo abbandonati a noi stessi, ignari di tutto e coscienti solo di dover andare avanti.
Fin da bambini ci insegnano a volare solo per poi tagliarci le ali, ci insegnano a scrivere solo per portarci via le parole e poi, alla fine, quando cresciamo e ci rendiamo conto della violenza che abbiamo subito, ci ritroviamo sul ciglio di una strada a rimpiangere i banchi scolastici. Rimpiangeremo compiti e interrogazioni perché il mondo che ci aspetta lì fuori non è determinato dai risultati di un test, ma dalla capacità di riuscire a salvarci da soli. Siamo circondati da lupi che si fingono pecore, ignoranti più delle capre ma pieni di sé come leoni.
Cadono le speranze e la volontà di continuare a camminare, abbandoniamo la nostra strada e ne intraprendiamo una diversa, la maggior parte delle volte però è sbagliata. Diventiamo così automi o meglio burattini, legati alle mani dei potenti, cittadini solo di casa nostra e padroni neanche più di noi stessi. Così la società viene mantenuta a bada, con la convinzione che non ci sia una scelta o via di scampo.
Ma siamo noi gli eroi, così come lo sono stati i nostri padri e le nostre madri, così dovremmo essere noi. Combattenti. Dovremmo combattere per ciò che crediamo giusto, per il nostro futuro, per la nostra vita e per la vita dei nostri figli e attualmente l’unico mezzo che abbiamo a nostra disposizione è la nostra mente, la nostra conoscenza. E nonostante stiano facendo di tutto pur di renderci degli ignoranti non dobbiamo cedere, ma continuare imperterriti nella convinzione che noi possiamo, che se facciamo dei sacrifici e studiamo è solo per noi stessi affinché ogni scopo o obbiettivo da raggiungere diventi concretezza.
Smettiamo di credere a chi ci dice di sperare, perché ora come ora non c’è speranza e se non siamo noi a crearla non ci sarà mai!
Ricordiamoci, che la vita di ogni giorno è una battaglia, una battaglia che non possiamo permetterci di perdere e che saremmo in grado di vincere solo nel momento in cui, tutti noi, arderemo la nostra libertà.

Consigliamo: Il manuale del docente

Inscriviti al nostro canale Telegram e riceverai gli aggiornamenti in tempo reale.

https://t.me/informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui
Exit mobile version