Home Primo piano Online il cedolino di luglio 2017, compresa la quattordicesima

Online il cedolino di luglio 2017, compresa la quattordicesima

bonus 150 euro

Il cedolino di luglio 2017 è già online, anche la quattordicesima

Luglio è un mese buono per i pensionati INPS poichè riceveranno, oltre all’assegno pensionistico, la tanto attesa quattordicesima. La somma sarà più corposa grazie anche alle novità introdotte con la legge di bilancio relativa all’anno solare 2017. Le novità riguardano i pensionati già beneficiari con redditi non superiori a 1,5 volte il trattamento minimo. La legge di Bilancio ha inoltre esteso il diritto anche a coloro i quali hanno un reddito compreso fra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo. Ricordiamo che è stata prevista anche una fascia di garanzia

Requisiti anagrafici, contributivi e reddituali richiesti per l’accesso al beneficio

Con il messaggio n. 2549, avente come oggetto: Corresponsione, per l’anno 2017, della somma aggiuntiva (cd quattordicesima) di cui all’art. 5, commi da 1 a 4, del D.L. 2 luglio 2007, n.81, convertito con modificazioni dalla legge 127/2007, come modificata dall’ articolo 1, comma 187 della legge 11 dicembre 2016, n. 232. L’INPS fissa i requisiti anagrafici, contributivi e reddituali dei soggetti che usufruiranno della quattordicesima. Il pensionato deve avere compiuto 64 anni di età entro il 31 dicembre dell’anno di erogazione. Per l’anno 2017 sono interessati tutti i soggetti nati prima del 1° gennaio 1954. Tuttavia può essere attribuito per un periodo inferiore all’anno, in proporzione ai mesi di spettanza, nel caso di: pensione con decorrenza nell’anno interessato successiva al 31° gennaio:compimento del sessantaquattresimo anno nel corso dell’anno; il beneficio spetta in tal caso anche per il mese di raggiungimento dell’età.

Requisiti contributivi

Per la corresponsione dell’aumento viene considerata tutta la contribuzione accreditata in favore del titolare della pensione.
Per le pensioni in totalizzazione e cumulo viene presa in esame la sola contribuzione degli enti pubblici (INPS-ENPALS-INPDAP-IPOST-INPGI), mentre viene esclusa quella relativa agli enti privatizzati.
Nel caso in cui il beneficio venga corrisposto sulla pensione ai superstiti, l’anzianità contributiva del dante causa è rapportata all’aliquota di spettanza (art. 1, comma 41, della legge 8 agosto 1995, n. 335.).

Per maggiori dettagli e per le ultime notizie invitiamo i nostri lettori a scaricare l’intero messaggio dell’INPS, ricordando loro che possono già visualizzare il cedolino di luglio 2017 già sul portale del Istituto Nazionale Previdenza Sociale, nell’area riservata ai cedolini.

Exit mobile version