HomeNotiziePensioni, angoscia pignoramento per migliaia di anziani

Pensioni, angoscia pignoramento per migliaia di anziani

spot_img

Il caro vita, la recessione e il caro bollette hanno dato vita a uno “tsunami economico”, esponendo migliaia di anziani al rischio di vedere tagliata la propria pensione. Stando ai dati dell’associazione Favor Debitoris, sono almeno 200mila gli italiani la cui pensione è stata sottoposta a pignoramento.
Malgrado l’intervento del Parlamento, che ha aumentato la soglia sotto la quale le pensioni non si possono pignorare, la situazione non sembra migliorare perché cresce sempre più il numero di pensionati che si indebitano per affrontare tutte le spese diventando morosi nei confronti del Fisco e delle compagnie energetiche.

Aumentato l’importo del “minimo vitale”

Con l’intervento recato nel decreto Aiuti bis viene innalzato di oltre il 40% l’importo del “minimo vitale”. In particolare, si eleva la soglia di impignorabilità delle pensioni: si passa da 702 euro a 1.000 euro. Sotto questa soglia le pensioni non si possono pignorare.
Il minimo vitale si calcola sulla base del valore dell’assegno sociale, che viene aggiornato ogni anno. Nel corrente anno l’importo dell’assegno sociale è di 460,28 euro, la sua metà è 230,14 euro, per cui l’importo impignorabile è pari a 690,42 euro. Chi percepisce una pensione più bassa del minimo vitale non rischia alcun pignoramento, vuol dire che nonostante un provvedimento di pignoramento, la pensione non può mai essere pignorata perché non è possibile privare il debitore dei mezzi minimi per vivere.
Giovanni Pastore, fondatore di Favor Debitoris, ha commentato che: “L’innalzamento del minimo vitale avrà anche un forte beneficio per il futuro, perché stanno arrivando nei bilanci delle banche italiane altri 150 miliardi di euro di sofferenze creditizie “.

Se la pensione supera i 1.000 euro cosa succede?

Per i pensionati che superano la soglia di 1.000 euro, la parte che può essere pignorata equivale a un quinto del totale. Ad esempio, con una pensione di 1.000 euro, si rischia il pignoramento del 20% di 309,58 (ossia la differenza tra 1.000 e 690,42). Sostanzialmente, l’INPS deve trattenere, su ogni mensilità della pensione, 61,92 € da versare poi al creditore.

COMPILA IL FORM PER AVERE INFORMAZIONI ED ACQUISRE I 24 CFU E DIVENTARE DOCENTE

Iscriviti al nostro canale Telegram e riceverai gli aggiornamenti in tempo reale.

https://t.me/informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.
Seguiteci anche su Twitter
informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news