SNALS – Ieri si è tenuto un incontro Miur – sindacati sulle problematiche Ata. Innanzitutto le immissioni in ruolo, attese dall’estate 2012. L’Amministrazione afferma che le nomine in ruolo del personale ATA non potranno essere effettuate fino ad avvenuta registrazione del decreto degli organici di diritto del personale ATA per l’a.s. 2012/13.

Ciò, in quanto vanno accantonati, dopo la registrazione di tale decreto, i posti per il passaggio al personale ATA degli inidonei e degli ITP in esubero (classi C555 e C999).

Lo SNALS riferische ch per quanto riguarda il decreto interministeriale relativo ai docenti inidonei e agli ITP in esubero (circa 470 della C999 e circa 28 della C555), l’Amministrazione ha comunicato che sono state predisposte alcune sostanziali modifiche migliorative al decreto interministeriale (che sarà sottoscritto di concerto da MIUR, MEF e FP), già sottoposto in bozza alle organizzazioni sindacali, che, nei vari incontri, avevano richiesto con forza di rivederne alcuni punti.

Le innovazioni apportate al nuovo decreto interministeriale, sottoposto alla firma del Ministro Profumo sembrano migliorative. Infatti, l’Amministrazione ha dichiarato che, in tale decreto il passaggio degli ITP in esubero avverrà prioritariamente in altre classi di concorso per le quali gli stessi siano in possesso di titoli di accesso, e, solo successivamente nei casi di mancato possesso di tali titoli, al personale ATA.

Per quanto attiene gli inidonei il decreto ripristinerà la possibilità per i docenti inidonei alla loro funzione, ma utilizzati in altri compiti, di fruire, a domanda, della dispensa dal servizio, ai sensi del CCNI/2008 relativo al personale inidoneo.

I passaggi del restante personale inidoneo al personale ATA avverranno con gradualità, al fine di non determinare esuberi nei profili professionali ATA (prevalentemente ass. amministrativi, assistenti tecnici).

Per quanto attiene i 24 mesi, l’Amministrazione ha chiesto alle OO.SS. di sottoporre le criticità e i problemi emersi.

La Delegazione SNALS-Confsal nel proprio intervento ha:

evidenziato l’inaccettabilità dei gravissimi ritardi per le nomine in ruolo del personale ATA ed ha auspicato che le stesse vengano attuate senza ulteriore indugio, anche per consentire ai neo ammessi in ruolo di produrre domanda di mobilità;
dato atto all’Amministrazione dei correttivi apportati alla bozza di decreto, richiesto una specifica informazione sull’argomento e di ottenere la nuova bozza di tale decreto interministeriale, al fine di conoscerne i contenuti e poterli più attentamente valutare;
richiesto, per quanto attiene i 24 mesi, che, relativamente alle graduatorie effettuate per il profilo professionale di assistente amministrativo, sia valutato un punteggio di 0,50 per ogni mese di supplenza in qualità di DSGA, (attualmente valutato 0,10). Ciò, in quanto non si può disconoscere la circostanza che è indubbiamente professionalizzante, per gli assistenti amministrativi, aver svolto una supplenza in qualità di DSGA. Allo stato attuale, invece, la stessa sarebbe valutata con un punteggio ridotto, per il solo fatto che non si tratta di servizio prestato in profilo immediatamente superiore a quello per il quale il candidato chiede l’inclusione nelle graduatorie per soli titoli;
ricordato all’Amministrazione che occorre riprendere il testo relativo alla modifica del regolamento delle supplenze del personale ATA, già discusso nel 2010 con le organizzazioni sindacali e reso definitivo, ma poi mai inviata dall’Amministrazione alla registrazione degli organi di controllo. Restava, a seguito delle ridefinizione di tale regolamento, da rimettere “a fuoco” le tabelle di valutazione dei titoli per le supplenze del personale ATA, che, ovviamente, dovranno essere nuovamente discusse con le OO.SS., in quanto la discussione intrapresa nel 2010 e poi interrotta, su tali tabelle, non fu a suo tempo esaustiva;
chiesto altresì all’Amministrazione di riaprire con urgenza un confronto per la mobilità professionale del personale ATA. In particolare ha proposto, facendo seguito a quanto già richiesto in altri incontri, di consentire l’accesso alla formazione relativa alla mobilità professionale ATA a tutti coloro che abbiano superato le prove preselettive dell’ultima procedura e non hanno potuto proseguire l’iter, a causa dei limiti numerici previsti per la formazione e, conseguentemente, non sono passati alle fasi successive, conseguendo l’idoneità;
sottolineato che tale proposta sarebbe, comunque, utile al personale, in quanto potrebbe arricchirne la professionalità, anche a vantaggio della funzionalità delle istituzioni scolastiche, e, comunque, per evitare il lungo, faticoso iter di un nuovo accordo, con tutte le difficoltà burocratiche in sede di validazione dello stesso, ai sensi del D.lvo n. 150, evitando altresì, la complessa predisposizione di nuove prove preselettive, nuove funzionalità di allenatori on line, etc. Ciò consentirebbe di avere nuove graduatorie pronte in termini ragionevolmente brevi, da utilizzarsi in quelle province dove, a seguito di pensionamenti, trasferimenti o altre cause, si rendano disponibili dei nuovi posti;
evidenziato che un notevole numero di assistenti amministrativi, titolari della seconda posizione economica, chiedono che il Ministero espliciti se sia ancora valido l’Avviso a suo tempo espresso dalla Direzione Generale del personale della scuola, a seguito di quesito, che consentiva di rinunciare alla sostituzione del DSGA, nel caso di nomina di durata annuale;
in via subordinata, approfondire attraverso l’apposito tavolo previsto dall’accordo sulle posizioni economiche, l’eventuale possibilità di rinuncia volontaria alle posizioni economiche conseguite. Tutto ciò per ovviare alle negatività di quanto prevede la legge di stabilità, che penalizza gravemente coloro che svolgono funzioni superiori in qualità di DSGA;
infine, ha rivendicato uno specifico nuovo incontro per affrontare una serie di ulteriori problemi relativi al personale ATA (quali ad esempio per definire l’atto di indirizzo per il pagamento della indennità al DSGA di ruolo in scuola normodimensionata, con incarico aggiuntivo in altra scuola sottodimensionata -art. 4 comma 70 L.183/2011-, organico personale ATA 2013/14, bando concorso ordinario DSGA etc.).
L’Amministrazione si è dichiarata disponibile al proseguo del confronto sulle problematiche del personale ATA ed ha dimostrato disponibilità ad accogliere la richiesta effettuata, sia dalla nostra che da altre Delegazioni sindacali, per la valutazione nelle graduatorie dei 24 mesi, del servizio prestato dagli assistenti amministrativi quali supplenti in qualità di DSGA.

Lascia un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.883 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.