Press "Enter" to skip to content

Il docente del futuro sarà flessibile

Share

 

Come sarà il docente del futuro? Sarà un docente flessibile, iper abilitato e potrà essere trasferito d’ufficio.

Pronto il profilo del docente del futuro: sarà flessibile

Come deve essere un buon docente?

Erano anni che si tentava di rendere il docente flessibile in modo da poter essere utilizzato laddove se ne presentasse l’opportunità.

A pensarci per primo fu il governo Berlusconi il quale avviò la prima revisione delle classi di concorso, ma non ebbe grandi fortune poichè dovette fare i conti con la specificità degli indirizzi di studio.

Per facilitare la riforma puntò sulla liceizzazione della scuola che “mortificacava” l’istruzione Tecnica e Professionale (vedi riforma Moratti), ma non riuscì nel suo intendo a causa dell’opposizione della stessa scuola, dei sindacati e di quello che una volta era definito il centro sinistra.

A fare un grosso passo in avanti fu invece la Gelmini, governo di centro-destra e Lega, che in un sol colpo non solo mortificò l’Istruzione Tecnica e Professionale, ma tagliò anche due ore di settimanali di indirizzo.

Una recente sentenza del T.A.R del Lazio ne ha ordinato il ripristino senza alcun esito.

La riforma Gelmini e quei tagli fecero risparmiare 8 mld di Euro che pare furono investiti nella realizzazione di Expo. Restò tuttavia ancora in sospeso la riforma delle classi di concorso e la loro flessibilità.

Il nuovo reclutamento rende flessibili i docenti

A completare l’opera, con il nuovo reclutamento attualmente al vaglio del Parlamento è stato il governo Renzi/Gentiloni.

Nel decreto – come abbiamo già evidenziato – è contenuto il provvedimento che obbliga alla riconversione il docente in esubero in modo da essere utilizzato su altre classi di concorso oppure sul sostegno, ma favorisce a tutti i docenti di ruolo di conseguire ulteriori abilitazioni appunto per essere iper-flessibili.

La flessibilità penalizzarà i precari

La flessibilità dei docenti eroderà inevitabilmente posti al personale precario che vedranno in cattedra i docenti ricovertiti nelle discipline affini o, come già accaduto, sui posti di sostegno.

La formazione universitaria per la riconversione sarà a carico del datore di lavoro, in questo caso del ministero dell’Istruzione (MIUR).

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.