Press "Enter" to skip to content

NoiPa lo stipendio non arriva, docente costretta a chiedere il prestito per lavorare

Share

NoiPa – Non arriva lo stipendio una docente è costretta a chiedere il prestito per andare a lavorare, sembra una storia da paese povero, quelli che una volta erano chiamati terzo mondo e invece accade da noi, in Italia. La professressa, dopo aver contattato NoiPa, il Tesoro e la stessa segreteria della scuola senza avere informazioni del perchè non arrivano gli stipendi, si è rivolta alla nostra Redazione per denunciare quanto sta vivendo sulla sua pelle. Di seguito il testo dell’e-mail.

NoiPa non arriva lo stipendio, la docente è costretta a chiedere il prestito per lavorare

Buongiorno ho un contratto come docente dal 21 novembre 2016 fino al 30 giugno 2017 e ad oggi non ho ancora percepito assolutamente niente. Ora io mi chiedo se tutto questo è possibile, a scuola mi dicono che è tutto ok, da NoiPa mi dicono che è tutto ok ma i soldi non arrivano. Sapete chi è il responsabile di tutto questo? Perché il sospetto è che questo sistema sia stato creato giusto per creare confusione. Fatto sta che per andare a lavorare sono costretta a chiedere soldi in prestito.

Saluti

Questo è il testo della e-mail che abbiamo ricevuto nella nostra casella di posta, sappiamo che come Lei sono molti a non ricevere lo stipendio, si spera in un’emissione speciale con lo stipendio del mese di marzo, intanto chi vuole può segnalare la propria vicenda scrivendo alla nostra casella di posta elettronica.

Summary
Review Date
Reviewed Item
NoiPa: lo stipendio non arriva, docente costretta a chiedere il prestito per lavorare. Accade in Italia, nel nostro Paese e non nei paesi poveri quelli che un tempo li chiamavano "terzo mondo"
Author Rating
51star1star1star1star1star

2 Comments

  1. Francesca Simeoni dicembre 17, 2017

    In ruolo da settembre 2017 nella scuola secondaria di primo grado, non ho ancora ricevuto un euro (al 16 dicembre 2017), nonostante decine di segnalazioni. Dovrò rivolgermi, con tutta probabilità, ad una avvocato del sindacato a gennaio. E’ un paese normale il nostro? Avete qualche consiglio da darmi. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.