Scatti di anzianità e fasce stipendiali dopo il rinnovo del contratto

Ultime Notizie

InformazioneScuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click. A differenza d'altri non abbiamo sponsor di nessun tipo e nemmeno padrini.

2 Risposte

  1. NICOLA ing. CHIEPPA ha detto:

    Sono uscito dalla scuola per motivi di salute rescindendo il contratto con il MIUR, ho insegnato nelle superiori prima da supplente e poi di ruolo dal 20 ottobre 1980 al 4 ottobre 2015. Nell’ultimo periodo niente scatti, niente aumenti ma in compenso la Legge Fornero allungava i tempi di permanenza in servizio. Ricordo che quando veniva rinnovato il contratto veniva riconosciuto un minimo di arretrati. Per noi che siamo usciti credo che non ci sarà riconosciuto nulla nel mentre i nostri onorevoli deputati e senatori si sono aumentati stipendi, prebende e vitalizi. Siamo in una democrazia malata al limite dell’autanasia. Apprendi poi che aiutanti tecnici se non addirittura bidelli pardon personale parascolastico che nel passato sono entrati nel sindacato si ritroveranno con un assegno di pensione maggiore di quello di un docente laureato. questa è la meritocrazia? sono contento di aver lasciato un ambiente pieno di vipere . Un unico rammarico di non aver potuto salutare i pochi colleghi, a margine di un collegio docenti come ho visto fare ogni anno, comunque tale operazione è stata fatta in privato.

  2. gemma ha detto:

    Anch’io per motivi di salute lo scorso anno sono riuscita ad andare in pensione anticipata, per farlo ho dovuto riscattare due anni di laurea costo circa 30.000 euro. La mia decisione è stata molto sofferta, considerato il costo e consiserato anche che ho lavorato per 41 anni, ma altrimenti secondo la legge Fornero sarei dovuta andare molto piu tardi, quindi ho accettato di pagare a rate il riscatto –
    Questo pagamento l’ho vissuto come una rapina, un vero furto,un vergognoso ricatto che stando male ho accettato.Ho dato alla scuola tutta me stessa, sono stata una studente lavoratrice da giovane , mi sono sempre aggiornata apportando il mio contributo culturale ed educativo agli alunni che ho avuto in 41 anni di servizio . Ogni mese mi vedo decurtare circa 300 euro dalla mia pensione e ogni volta mi rattrista pensare che sono stata punita per aver sempre fatto il mio dovere e per essermi ammalata e questo non fa certo bene al mio stato di salute. Chi devo ringraziare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

cedolino noipa