Scatti d’anzianità nella scuola, come avviene la progressione stipendiale del personale?

 

Scatti di anzianità è progressione stipendiale del personale ATA e del personale docente, come avviene? E’ la domanda che spesso ci sentiamo rivolgere, per dare una risposta ci serviamo della conostoria stilata dallo stesso MIUR che in una serie di slide ripercorre gli “AUTOMATISMI STIPENDIALI DEL PERSONALE DOCENTE E ATA” Vediamo in dettaglio.

Progressione stipendiale

In passato quasi tutto il personale statale godeva di una progressione stipendiale automatica, collegata all’anzianità di servizio – c.d. “scatti” di anzianità.
Alla fine degli anni ’90 tale progressione fu abrogata in molti comparti ma non nella scuola.
Nella scuola fu lasciata in attesa di introdurre una progressione di carriera, presente negli altri comparti: non c’è una progressione di “fasce”, non c’è il professore “senior”, non c’è valutazione, …
La progressione stipendiale automatica è appannaggio del solo personale di ruolo e degli incaricati di religione, quest’ultimi considetati dei privilegiati.

Il personale precario non gode di incrementi stipendiali collegati all’anzianità di servizio.
All’atto dell’eventuale immissione in ruolo il personale è oggetto di un provvedimento di ricostruzione di carriera, col quale è riconosciuta, sulla base di regole specifiche, l’anzianità di servizio maturata durante il precariato.
La ricostruzione è disposta a seguito del superamento del periodo di prova. Il relativo provvedimento viene di fatto adottato anche ad anni di distanza.

Progressione stipendiale docenti

Incrementi mensili lordo dipendente in funzione dell’anzianità di servizio (docenti di ruolo)

immagine con gli scatti di anzianità dei docenti

Progressione stipendiale ATA

Incrementi mensili lordo dipendente in funzione dell’anzianità di servizio (ATA)

Immagine degli scatti di anzianità del personale ATA

Blocco degli stipendi del personale pubblico

Il DL 78/2010 ha disposto (art. 9 comma 1) il blocco degli stipendi per il personale pubblico, negli anni 2011, 2012, 2013 ed ora anche il 2014, a seguito del dPR 122/2013.
Sono interessati tutti i dipendenti pubblici, incluso il personale scolastico statale e comunale.
Il DL prevedeva anche il blocco delle progressioni di anzianità.
Blocco della progressione stipendiale.
L’art. 9 comma 23 del DL 78/2010 ha previsto la non utilità degli anni 2010, 2011 e 2012 ai fini della progressione stipendiale per il personale scolastico.
Il dPR 122/2013 ha esteso tale disposizione al 2013.
Ciò significa che il personale scolastico di ruolo, fino a che andrà in pensione, matura il diritto ad uno stipendio più elevato con 4 anni di ritardo rispetto alla legislazione previgente c.d. “blocco degli scatti”.

Sblocco della progressione stipendiale

L’art. 8 comma 14 del DL 78/2010 consente però di recuperare l’utilità degli anni 2010, 2011, 2012 e 2013 ai fini della progressione economica, utilizzando risorse aggiuntive, compreso il “fondo del 30%” derivante dai risparmi effettivamente realizzati in attuazione della “riforma Gelmini” degli ordinamenti c.d. “sblocco degli scatti”

Sblocco della progressione stipendiale

L’utilità dell’anno 2010 è stata recuperata utilizzando le risorse del “fondo del 30%”.
L’utilità dell’anno 2011 è stata recuperata utilizzando in parte (31mln) le risorse del “fondo del 30%” e per la parte maggiore (350mln) riducendo la retribuzione accessoria del personale scolastico e con essa le prestazioni aggiuntive a favore degli alunni.
La maggior parte delle OO.SS. ha chiesto di poter recuperare anche l’utilità dell’anno 2012, mediante ulteriore riduzione della retribuzione accessoria del personale.
In previsione di ridurre nuovamente la retribuzione accessoria per coprire lo “sblocco” del 2012 è stata ridotta la somma destinata alla contrattazione collettiva nazionale integrativa. Di conseguenza le scuole hanno ricevuto solo 521 milioni nell’a.s. 2013/2014 per le attività aggiuntive in favore degli alunni, su un totale di 984 milioni disponibili.

Focus sul blocco 2013

Il “blocco” dell’utilità dell’anno 2013 per la progressione economica è disposto dal dPR 122/2013 del 4 settembre 2013, pubblicato in GU il 25 ottobre 2013.
Il blocco è stato quindi disposto dopo che circa 50mila dipendenti avevano già percepito a decorrere dal 1/1/2013 l’incremento stipendiale dovuto al maturare dell’anzianità di servizio nel corso dei primi 10 mesi del 2013 (con il cedolino stipendiale del service NOI PA).
Questi circa 50mila soggetti avrebbero dovuto restituire il maggior stipendio percepito.
Per evitare che i dipendenti abbiano una riduzione stipendiale in conseguenza della restituzione degli incrementi già percepiti grazie all’anzianità maturata nel 2013, è stato approvato un decreto legge che blocca la restituzione delle suddette somma e rimanda alla sessione negoziale effettuare il riconoscimento dell’anzianità maturata nel 2012, che consentirà di far acquisire l’incremento stipendiale con decorrenza dal 2012.
L’atto di indirizzo per la sessione negoziale di cui sopra è stato già richiesto al MEF e alla Funzione  Pubblica.
Il decreto-legge ha previsto espressamente la maturazione dello scatto relativo al 2014.

Miglioramento dell’offerta formativa

I fondi per il MOF sono destinati alla retribuzione del personale scolastico, prevalentemente, per lo svolgimento di attività aggiuntiva :
FIS o fondo delle istituzioni scolastiche, per attività aggiuntive in favore degli alunni, corsi di recupero, turni notturni nei convitti, ecc.
Incarichi specifici per remunerare gli impegni lavorativi ‘extra’ del personale ATA.
Funzioni strumentali al piano dell’offerta formativa per remunerare il maggiore impegno del personale docente nei progetti.
Ore eccedenti per progetti di pratica sportiva.
Progetti nelle aree a forte rischio sociale, immigratorio, ecc.
Ore eccedenti per la sostituzione dei colleghi assenti.
I fondi per il miglioramento dell’offerta formativa erano complessivamente pari a 1.480 milioni (a.s. 2010/2011).
Sono stati ridotti in proporzione alla riduzione del personale in servizio ai sensi dell’art. 9 comma 2bis del DL 78/2010, per circa 47 – 41 milioni a seconda dell’anno.
Una ulteriore riduzione di euro 45 milioni è stata disposta dalla legge di stabilità per il 2013.
Sono anche stati ridotti col CCNL 13/3/13, per finanziare il recupero dell’utilità del 2011 ai fini della maturazione dell’anzianità economica.
A seguito delle riduzioni elencate, lo stanziamento del MOF ha avuto il seguente andamento nel tempo
2010/2011 – 1.480 milioni
2011/2012 – 1.432 milioni
2012/2013 – 924 milioni
2013/2014 – 984 milioni
2014/2015 e ss. – 1.041 milioni
Quando si concluderà la sessione negoziale per il “recupero degli scatti 2012” il MOF si ridurrà ulteriormente a partire dal MOF 2013/2014.

MOF 2013/14

Dei 984 Meuro del MOF relativo all’a.s. 2013/14, a seguito dell’intesa con i sindacati del comparto scuola del 26 novembre 2013 sono stati assegnati alle istituzioni scolastiche 521 Meuro
Ne sono stati accantonati 463 Meuro, in attesa della sessione negoziale, per il “recupero degli scatti 2012”.

GESTIONE DEL MOF

Le risorse per il MOF sono ripartite a cura del MIUR in base ad un intesa con le OO.SS. da concludersi all’avvio di ciascun anno scolastico e, per le aree a rischio, in base a CCNI e successivo CCRI.
La DG del bilancio del MIUR assegna con apposito avviso le risorse alle singole scuole entro l’inizio dell’anno scolastico e, per le aree rischio, successivamente al CCRI.
Il Dirigente scolastico entro il 25 ottobre predispone il piano delle attività per il MOF, oggetto di contrattazione di sede.
Le risorse non impegnante nell’a.s. sono riassegnate alla stessa scuola per l’anno scolastico successivo.
Quanto riportato è ciò che dichiarava il MIUR prima dell’avvento della legge 107/15 denominata la buona scuola, adesso le cose sono persino peggiorate!

RINNOVO DEL CONTRATTO  – AGGIORNAMENTO

Ieri. 8/02/2018, è stato firmato il contratto del comparto scuola. a queste tabelle vanno aggiunti gli aumenti previsti appunto dall’accordo fra governo e sindacati. Si tratta di 85 Euro lorde, al netto mediamente sia i profili del personale ATA che quelli dei docenti riceveranno mediamente circa 45 Euro pulite. Il bonus di 500 Euro per l’auto-aggiornamento al momento è salvo. La parte normativa quella non relativa alla parte economica, ma ai “doveri” sarà discussa più avanti. Sul tavolo ci saranno gli incentivi economici e le sanzioni, ve ne daremo notizia sul nostro portale, seguiremo da vicino gli eventi. Chi intende verificare le tabelle dell’aumento stipendiale relativo ai precari può verificarle collegandosi all’articolo apposito. Si trovano le tabelle suddivise in fasce stipendiali di ciascuna area ATA, così come quelle dei docenti, qui le tabelle riportano gli aumenti per i docenti di ogni ordine e grado.

Scatti di anzianità personale della scuola

La versione scaricabile in pdf.

Scatti di anzianità personale della scuola in pdf

 

Il video

14 Commenti

  1. É mai possibile che nn si riesca a capire, se è quando saranno sbloccati gli scatti di anzianità per gli insegnanti? Il mio ultimo scatto è fissato in dicembre 2016. Qualcuno mi può dire se mi verrà dato e di quanto sarà ? Grazie

    • Anche la decorrenza del mio scatto di anzianità (da 15 anni a 21) era fissata al 31 dicembre 2016. Nel cedolino di dicembre, però, la decorrenza era scomparsa. Ora aspetto con ansia di vedere il cedolino di gennaio 2017 per verificare l’effettivo aumento o la scomparsa definitiva degli scatti di anzianità. Chiedo anch’io notizie.

  2. Buongiorno. Sono una docente di ruolo dal 1/1/2005. In quanto la mia ricostruzione di carriera è stata lunga e dolorosa e la segretaria che se n’è occupata non ha prodotto il documento per gli scatti di anzianità, sul mio cedolino non compare la data di scatto. Forse meglio dire degli scatti, visto che abbiamo fatto i conti con la segretaria stessa e ho un’anzianità ai fini dell’anzianità (inclusiva del servizio preruolo) di 16 anni e qualche mese. Avrò due scatti in contemporanea quando tutto sarà sistemato?

  3. Salve.
    Sono insegnante di scuola primaria assunto il 01/09/2000. Due anni di precariato. Sono ancora in fascia 09. La scadenza dello stipendio sul cedolino è agosto 2017. A quale scatto dovrò accedere con lo stipendio di settembre?

  4. Pensionata dal 31/08/2015 con 38 anni servizio non ho avuto l’ ultimo scatto di anzianità scuola che doveva scattare il 31Z/12/2012 slittato poi al 31/12/2014, ora quando mi verrà riconosciuto nella pensione e in parte nella liquidazione? Grazie, attendo una risposta…

  5. Attendo una vostra risposta grazie, sono andata in pensione con lo stipendio al 28 esimo gradone e non a 38 anni di servizio, grazie al blocco contrattuale e a quello degli scatti di anzianità…cosa mi dite?

  6. Salve, mi hanno finalmente comunicato la Ragioneria di Stato, l’imminente liquidazione degli arretrati e l’aumento dello stipendio. Ho 9 anni di anzianità carriera riconosciuta e sono un docente di scuola media inferiore di 1° grado.
    Domanda: quale cifra mi liquideranno per gli arretrati e quanto sarebbe l’aumento in busta paga? Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.