Home sindacati Scioperi Sanità e Istruzione a confronto: adesione dell’85% del personale sanitario, la...

Scioperi Sanità e Istruzione a confronto: adesione dell’85% del personale sanitario, la Scuola invece solo il 7%

Il confronto fra l'adesione allo sciopero del personale sanitario con quello della scuola è impietoso

sciopero generale della scuola e dei lavoratori

I dati dello sciopero di oggi di Medici, infermieri e dirigenti sanitari ha avuto una grande adesione, i sindacati che lo hanno indetto parlano di un’adesione dell’85% ovviamente da confermare.

Assegno Unico Universale 2024, le novità e le tabelle con i nuovi importi

Viene subito da fare un paragone con l’ ultimo sciopero della Scuola indetto da Flc Cgil e Uil Scuola del 17 novembre, i dati definitivi parlano di un’adesione di appena il 7% da parte di Docenti e ATA.

Allorquando si avverte un disagio, e gli insegnanti lo avvertono eccome a leggere i loro numerosi interventi su Facebook, questo disagio lo si deve rendere palese con uno sciopero, non si cercano scusanti come hanno fatto gli insegnanti il 17 novembre.

Per quanto poi riguarda lo sciopero, non credo che sia uno strumento superato, come è stato detto da alcuni docenti , con altre categorie (vedi oggi quello nella Sanità) lo sciopero riesce bene e poi gli insegnanti hanno mostrato di rifiutare anche altre forme di lotta che risultano molto difficili da realizzare, ad esempio le dimissioni dagli incarichi aggiuntivi che spesso viene indicata come l’ alternativa allo sciopero di una giornata.

Sarebbe una valida forma di protesta, anche se impossibile da realizzare, visto il clima di competizione all’ interno delle nostre scuole dove i docenti fanno a gara per assumere incarichi, figuriamoci se si dimettono dagli stessi per protesta. I DS avrebbero efficaci strumenti di ricatto per dissuaderli.

A proporre forme alternative ma utopistiche di lotta, di cui si parla puntualmente ad ogni sciopero indetto dai sindacati, è chi non vuole far nulla, che ha eliminato dal suo orizzonte ogni forma di lotta e di protesta, rassegnato in partenza e convinto che tutto sia ormai inutile. Bisogna solo ” tirare a campare” e questo ha detto il 17 novembre il 93% dei lavoratori della scuola Docenti e ATA.

Questo senso di sfiducia, di rassegnazione, di apatia è quanto emerge da una categoria che pur avendo grandi numeri è per questa ragione nelle vertenze molto debole.

Aggiungo che lo strumento dello sciopero è l’unico che rende tangibile in breve tempo ai Governi, al Parlamento e all’opinione pubblica il malessere, il dissenso e la protesta di una categoria di lavoratori. Non ci sono altre strade.

Libero Tassella SBC

Bullismo a scuola: Occorre un approccio risolutivo e talvolta la scuola da sola non basta, specie quando si sfocia nel microcrimine

Segui i canali social di Informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News ,  per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui. 

Iscriviti al gruppo    Telegram: Contatta @informazionescuola

Iscriviti alla nostra   pagina Facebook  .

Seguiteci anche su   Twitter

Seguici anche su  Pinterest

Exit mobile version