HomeATAAnche il Tribunale di Ravenna attribuisce 6 punti agli ATA

Anche il Tribunale di Ravenna attribuisce 6 punti agli ATA

IL TRIBUNALE DI RAVENNA DICHIARA L’ILLEGITTIMITA’ DELLA MANCATA ATTRIBUZIONE DI 6 PUNTI NELLE GRADUATORIE A.T.A. DI TERZA FASCIA PER IL SERVIZIO MILITARE PRESTATO NON IN COSTANZA DI NOMINA. ACCOLTO IL RICORSO DELLO STUDIO LEGALE NASO & PARTNERS.

spot_img

Il Tribunale di Ravenna, con la recente sentenza dell’8 novembre 2022, ha integralmente accolto il ricorso proposto dallo Studio Legale Naso & Partners, stabilendo la manifesta illegittimità della mancata attribuzione di 6 punti, per il servizio militare svolto non in costanza di nomina, nelle graduatorie A.T.A. di terza fascia.

In particolare, un aspirante A.T.A. che aveva presentato domanda di inserimento nelle graduatorie di terza fascia, aveva tuttavia appreso che, per il servizio militare di leva prestato dal medesimo dopo il diploma superiore ma non in corso di un rapporto di lavoro con la P.A, gli erano stati riconosciuti in graduatoria soltanto 0,6 punti, in luogo dei 6 punti previsti se il servizio di leva fosse svolto durante il rapporto di lavoro alle dipendenze della P.A.

Lo stesso si è pertanto rivolto allo Studio Legale Naso & Partners al fine di tutelare i propri diritti dinanzi al Tribunale del Lavoro.

All’esito dell’udienza dell’8 novembre 2022, il Tribunale di Ravenna ha pertanto integralmente accolto il ricorso con la seguente motivazione: 

“Ai sensi dell’art. 485, 7° comma del D.Lgs. n. 297/1994 (T.U. della scuola) “Il periodo di servizio militare di leva o per richiamo e il servizio civile sostitutivo di quello di leva e’ valido a tutti gli effetti”. 

Ai sensi dell’art. 2050 del D.Lgs. n. 66/2010, “1. I periodi di effettivo servizio militare, prestati presso le Forze armate sono valutati nei pubblici concorsi con lo stesso punteggio che le commissioni esaminatrici attribuiscono per i servizi prestati negli impieghi civili presso enti pubblici. 2. Ai fini dell’ammissibilità e della valutazione dei titoli nei concorsi banditi dalle pubbliche amministrazioni è da considerarsi a tutti gli effetti il periodo di tempo trascorso come militare di leva o richiamato, in pendenza di rapporto di lavoro. 3. Le norme del presente articolo sono applicabili ai concorsi banditi dalle amministrazioni dello Stato, comprese le aziende autonome, e dagli altri enti pubblici, regionali, provinciali e comunali per l’assunzione e l’immissione di personale esterno in tutte le qualifiche, carriere, fasce o categorie funzionali previste dai rispettivi ordinamenti organici”. 

Ne consegue l’illegittimità (con conseguente disapplicazione) di ogni atto amministrativo in senso contrario, ossia teso a limitare la valenza di tale titolo esclusivamente al servizio prestato in corso di rapporto di P.I., con conseguente svalutazione per 9/10 del titolo relativo al servizio prestato prima della costituzione del rapporto di lavoro (anche precario)

La valenza interpretativa di tali disposizioni incide ovviamente (ai sensi dell’art. 3, Cost.) in tutte le situazioni nelle quali viene in rilievo – in ambito di carriere e punteggi scolastici e, dunque, di procedure latamente concorsuali – il servizio di leva prestato e la valutazione dello stesso (“Il punteggio per il servizio di leva obbligatorio e il servizio civile ad esso equiparato dev’essere valutato anche ai fini dell’accesso ai ruoli mediante graduatorie ad esaurimento, trattandosi di selezioni “lato sensu” concorsuali, aperte a una pluralità di candidati in competizione fra loro, alle quali pertanto può applicarsi estensivamente la disciplina di cui all’art. 2050 del d.lgs. n. 66 del 2010”: Cass. n. 5679/2020). 

Ne consegue che, anche nel caso di specie (in cui la lesione della situazione giuridica del ricorrente proviene da norme non aventi forza di legge, bensì meramente ed al più regolamentare), il servizio di leva prestato non in corso di rapporto deve essere valutato allo stesso modo di quello prestato in corso di rapporto, ossia 6 punti.

Tale recente pronuncia del Tribunale del Lavoro, secondo gli avvocati Domenico Naso e Valerio Lancia che hanno seguito il ricorso, conferma il pieno diritto all’attribuzione di sei punti nelle graduatorie A.T.A. di terza fascia per tutti coloro che hanno prestato il servizio militare dopo il conseguimento del diploma superiore e non in corso di un rapporto di lavoro con la P.A, così da poter essere destinatari – proprio in virtù di un più elevato punteggio attribuito in tali graduatorie – di una proposta di assunzione da parte dell’Amministrazione scolastica.

Ricorso ATA 6 punti per il servizio di leva

In questi giorni alla nostra casella di posta elettronica [email protected] sono giunte molte email di chiarimenti al punto che ci hanno spinto a sollecitare i nostri legali ad analizzare il caso di ciascuno, gli interessati possono dunque scriverci.

Libri di testo scontati

Approfitta dello sconto esclusivo riservato ai lettori di Informazione Scuola per superare il test preselettivo al TFA Sostegno, compila il modulo cliccando il link che segue

https://bit.ly/modulo-tfa-sostegno

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Seguiteci anche su Twitter

Inizio corsi VIII ciclo TFA sostegno, ecco come prepararsi 

informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news