Home ATA Gli ATA possono essere considerati working poor?

Gli ATA possono essere considerati working poor?

Working poor, gli ATA a rischio povertà, ma nessuno fa niente!

concorso ata Personale ATA, collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici
Un bidello al lavoro

Più volte abbiamo denunciato la condizione del personale ATA sempre più working poor. E’ uno degli aspetti critici che affligge gli ATA, in particolare il personale ausiliario, meglio noti come collaboratori scolastici.

Riconoscimento del ruolo del Vicario della scuola: la proposta di legge di Ancodis per l’esonero dall’insegnamento

Proprio gli ex bidelli percepiscono stipendi al limite della povertà e che manca poco per rientrare nel limbo dei working poor, poveri nonostante occupati.

Questo, in un contesto in cui il costo della vita è in costante aumento, può rappresentare una sfida nel condurre una vita dignitosa. Esaminare attentamente la struttura salariale e considerare eventuali adeguamenti potrebbe essere cruciale per garantire una retribuzione equa.

ATA: Contratti part-time, orari ridotti e rischio working poor

Molto del Personale ATA lavora anche con contratti part-time o orari ridotti, il che ha un impatto diretto sul salario reale. Questa situazione può complicare ulteriormente la stabilità economica e la possibilità di mantenere uno standard di vita accettabile.

Occorre rivedere la retribuzione del personale ATA e restituire dignità agli stipendi, specie a quelli dei collaboratori scolastici, fra i più bassi in assoluto.

Grammatica, connettivi logici, la pillola delle prof.ssa Sirchia

Segui i canali social di Informazionescuola

InformazioneScuola  grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Iscriviti al gruppo   Telegram: Contact @informazionescuola

Iscriviti alla nostra  pagina Facebook .

Seguiteci anche su  Twitter

Seguici anche su Pinterest

Exit mobile version