Home Stampa Il regalo di Renzi alle scuole private ammonta a 25 mln di...

Il regalo di Renzi alle scuole private ammonta a 25 mln di Euro per un totale di 497 mln

Mentre le scuole statali non hanno i soldi per acquistare la carta igienica o i detersivi per le pulizie ordinarie, il governo Renzi stacca un altro assegno alle scuole private, un assegno consistente di ben 25 mln di Euro, altro che tagli. Le scuole private quest’anno potranno usufruire di 497 mln di Euro alla faccia dei contribuenti italiani e delle scuole statali sempre più in ginocchio. Ne scrive, nell’articolo che segue, Claudia Voltattorni.

Roma Venticinque milioni in più. Per un totale di 497 milioni di euro che andranno alle scuole paritarie. Lo ha stabilito la Commissione Bilancio del Senato che sta esaminando la Legge di stabilità ed ha approvato un emendamento che innalza di 25 milioni di euro i fondi a favore delle scuole paritarie italiane. «Uno schiaffo morale» secondo l’opposizione. Un «ottimo segnale» invece per Ncd e Area Popolare.

Fondi per libri

Un altro emendamento approvato prevede anche l’istituzione di un fondo da 10 milioni di euro l’anno, dal 2016 al 2018, per «l’acquisto dei libri di testo e di altri contenuti didattici, anche digitali» per la scuola dell’obbligo. Le modalità di riparto verranno stabilite dal Miur sulla base dell’Isee.

Buona scuola e paritarie

Per quanto riguarda la scuole paritarie, già nella legge della Buona scuola sono state previste detrazioni fiscali fino a 400 euro per chi sceglie di mandare i propri figli in una scuola non statale. Ora il fondo arriva a 497 milioni di euro «dopo anni in cui il sostegno statale era stato costantemente diminuito», spiega il sottosegretario all’Istruzione Gabriele Toccafondi di Ncd che ha proprio la delega al sistema delle scuole paritarie. E dice: «È l’ennesimo segnale che la scuola per noi è tutta pubblica e che poggia su due gambe: una è rappresentata dalla scuola pubblica statale, l’altra è rappresentata dalla scuola pubblica non statale, o paritaria, frequentata da oltre un milione di ragazzi. Questo governo compie un altro passo per l’applicazione di una reale parità scolastica, un altro passo verso il reale riconoscimento della libertà di scelta educativa per le famiglie italiane».

«Schiaffo morale»

Ma insorge Rifondazione comunista, con Paolo Ferrero che parla di «schiaffo morale alla scuola pubblica, il giorno dopo che gli studenti sono scesi in piazza proprio per difendere il diritto allo studio e l’istruzione statale: è l’ennesima scelta di destra del governo Renzi e dimostra ancora una volta quello che andiamo dicendo da mesi: #isoldicisono e Renzi decide di darli ai ricchi, come e anzi peggio della destra!». E pure gli studente dell’Uds bocciano l’emendamento: «I fondi alle scuole paritarie private, oltre ad essere un vero e proprio spreco – dice Danilo Lampis -, sono uno schiaffo alla dignità alla scuola pubblica e alle migliaia di studenti, insegnanti e famiglie che le frequentano. La scuola pubblica vive una situazione drammatica, massacrata dai tagli degli ultimi anni, e pensare di finanziare le private è offensivo. È davvero preoccupante che, mentre sul diritto allo studio scolastico non si riesce a trovare un solo euro da inserire nella legge di stabilità, si pensi ad agevolare le scuole private, nonostante il grande aiuto proveniente dalla legge 107, in primis dallo strumento delle detrazioni fiscali per le famiglie».

Exit mobile version