Politica Scolastica: eliminare i grandi maestri per assumere insegnanti mediocri…

Già dalle prime battute il ministro bu-busettete aveva subito fatto capire di che pasta fosse fatto…cioè un burattino di cartapesta… alcune sue dichiarazioni la buona scuola e una buona legge; poi le dichiarazione contro i fumetti; poi il finanziamento delle scuole private e poi etc. etc.
L’altro giorno sto bu.. busetti se ne viene e dice : “Vogliamo rivedere il ruolo del docente, responsabilizzandolo perché diventi la pietra angolare del sistema di formazione. I ragazzi hanno bisogno di docenti preparati e attivi”, così parlò il ministro Bu-busettete… Ma poi ieri nel video forum con Repubblica ha dato il meglio di se… ha tirato fuori “la capra” dal cilindro… direi insuperabile!! direi il festival delle contraddizioni e della auto smentita live… udite udite…
Nella scuola si torna ai concorsi ordinari: “Se lo passi bene, se no ti ripresenti al successivo”, dice il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti.

Traduco, uguale-uguale ai gratti e vinci: aritenta sarai più fortunato!
Ecco i nuovi maestri mediocri quelli che ci provano, tanto se non va bene ora sarai più fortunato alla prossima tornata concorsuale… Ah! AH!…

“Basta con i bandi straordinari per precari abilitati, non abilitati, basta con il Fit che deve formare un docente per tre anni dopo il concorso, non partirà nessun nuovo tirocinio universitario, altrimenti detto Tfa. Si deve chiudere con la vecchia Babele dell’arruolamento. Insieme al mio staff sto lavorando da agosto a un progetto di grande semplificazione. C’è bisogno di docenti giovani che diano forza alla scuola italiana, laureati subito in cattedra. La mia idea, che proporrò ai sindacati e alle parti sociali, è quella di fermare le procedure straordinarie non ancora avviate, dare semplificazione e un ordine”. – il ministro-

L ‘ordine è quello… se non avete ancora inteso bene: avere insegnati mediocri e ignoranti così da manipolarli e da imbambolarli sempre più facilmente, visto che tanto non ci sarebbe più bisogno di abilitazioni- secondo il ministro-; in effetti per sorvegliare 20-30 pupi non c’è mica bisogno di conoscere la psicologia, la sociologia, la didattica, la scienza dell’educazione , ma soprattutto per essere infinocchiati per bene, è meglio, mica c’è bisogno di conoscere il contratto di categoria, oppure la normativa scolastica… è no! a che cazzo servono tutte queste cose se devi solo farli giocare con il telefonino oppure a carte!? il ministro ha proprio ragione l’abilitazione, la specializzazione all’insegnamento non servono ad un cazzo! io sono sissino ho speso circa 25mila euro per aver in due anni l’abilitazione… Allora adesso faccio causa allo Stato perché rivoglio indietro i soldi, visto che mi ha fatto specializzare quando ora il mio capo dice che non servono ad un cactus le abilitazioni e che addirittura l’ha chiamato babele dell’ arruolamento…
Io dire così ed uguale come hanno arruolato tutti i ministri dell’istruzione dopo GENTILE; cioè A PISELLO DI SEGUGIO! e così con lo stesso pisello dello stesso segugio, vogliono assumere l’insegnanti mediocri; che tra l’altro è pieno a bizzeffe nell’istituti italiani, nonostante le Siss, i fit, e i tfa…
Il prossimo concorso ordinario – ha spiegato il ministro – sarà bandito “nel corso del 2019, e parallelamente si farà anche quello non selettivo per diplomati magistrali e laureati in Scienze della formazione primaria”. L’altro bando speciale che andrà a compimento è quello per precari abilitati, d’altro canto si stanno già pubblicando le prime graduatorie…”

Traduco: concorso ordinario; concorso NON selettivo, concorso precari abilitati…

Quindi invece di avere gran maestri, preparati, attivi, ispiratori, capaci, competenti nelle proprie discipline e soprattutto e prima di tutto sulla normativa scolastica e sui propri diritti di lavoratori; avremo una babele di ignoranti, raccomandati e impreparati etc.. etc… così uguale uguale a tutta la struttura del MIUR…
Infine ciliegina sulla torta, la cazzata delle cazzate: il concorso ordinario si svolgerà nel 2019, appunto…
E sarà bandito “con i candidati che conosceranno in anticipo quanti posti sono disponibili sulla singola provincia”. I bandi ordinari, in questo nuovo regime di ordine, si faranno ogni due anni? “Si faranno quando c’è bisogno di assumere docenti in una determinata provincia su una determinata materia”.

AH! AH! AH!… ministro bu-bu-settete ma mi faccia il piacere…

http://www.anief.org/content_pages.php?pag=6263 : “Concorso docenti, tanti vincitori rimarranno disoccupati: non ci sono più i posti liberi!”

Doppia morale della favola: ” L’ignoranza può essere curata. La stupidità è per sempre.”
(Anonimo)
Chi nega la ragion delle cose, pubblica la sua ignoranza.
(Leonardo da Vinci)

Manlio Amelio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.