HomeComunicato StampaNelle scuole bisogna disobbedire. La vera rivoluzione è dire no

Nelle scuole bisogna disobbedire. La vera rivoluzione è dire no

spot_img

La disobbedienza civile è il rifiuto a obbedire a una situazione iniqua, attuata attraverso manifestazioni all’interno delle scuole..

Mancano insegnanti, la scuola non funziona, non è sicura, il contratto non è stato rinnovato, i DS diventano sempre più autoritari, gli impegni burocratici crescono sempre più, il disagio degli insegnanti aumenta, le riforme trasformeranno il docente in un insignificante appendice della didattica digitale facilmente sostituibile

Cosa fare?

I docenti potrebbero protestare ma non lo fanno

Per me, lo ricordo a chi diceva che gli scioperi non servono a nulla , bisognerebbe isolare il DS e lo staff, e rifiutare tutto quanto sia aggiuntivo e non rientri negli obblighi contrattuali.

Niente coordinamenti, niente progetti, niente tutor, niente visite didattiche, niente che non sia l’insegnamento della disciplina e le verifiche.

Una resistenza passiva una specie di disobbedienza civile. Un’attitudine a dire di no. Rifiutate ogni impegno burocratico che non sia la compilazione del registro.

Date prova di dissenso nei collegi e rifiutate di votare sulle delibere che vi impongono.

Chiedere alle RSU di partecipare alla protesta in un’assemblea sindacale, in caso contrario sfiduciarle.

Basta che non sia uno ma una decina di docenti per scuola, gli altri si aggregheranno.

Libero Tassella SBC

Ecco tutti i testi per prepararsi al concorso straordinario 2022 della scuola

Iscriviti al nostro canale Telegram e riceverai gli aggiornamenti in tempo reale.

https://t.me/informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.
Seguiteci anche su Twitter
informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news