Press "Enter" to skip to content

Precari di terza fascia e con 36 mesi di servizio: tornano i concorsi riservati

Share

Cncorsi riservati, qualcuno la definisce la sanatoria per i precari di terza fascia con 36 mesi di servizio

Come deve essere un buon docente?

Per chi, come chi scrive, ha vissuto quelle stagioni dei concorsi abilitanti riservati, sa bene che sono una maniera dignitosa per ottenere la famosa abilitazione all’insegnamento  e poi l’immissione in ruolo.

I cncorsi riservati erano assieme ai concorsi le due vie per accedere ai ruoli di docente e ottenere il contratto a tempo indeterminato.

Ai concorsi potevano accedere tutti, ai vecchi concorsi riservati i non abilitati che avevano maturato 360 giorni di servizio e forse il neo ministro dell’istruzione Valeria Fedeli quel tempo lo ricorda bene visto che frequentava attivamente le stanze della Cgil.

Arrivano i corsi abilitanti riservati per i docenti di terza fascia

I concorsi riservati rientrano in quella che è definita “fase transitoria” e si rivolge in particolare ai docenti precari di terza fascia con 36 mesi di servizio e a quelli di terza fascia con pochi mesi all’attivo.

Va detto – per dovere di cronaca – che i precari con 36 mesi di servizio chiedono lo stesso trattamento dei loro colleghi di seconda fascia in possesso dell’abilitazione e che faranno di tutto per ottenere tale possibilità.

Quali prove dovranno sostenere i precari con 36 mesi di servizio?

I precari che vantano 36 mesi di servizio, la stragrande maggioranza, dovranno sostenere una prova scritta di natura disciplinare e una prova orale di natura didattico-metodologica, così come abbiamo già evidenziato in un precedente articolo.

Chi supererà le prove – abbiamo motivo di credere, visti i precedenti che la percentuale di bocciati sarà vicina allo zero – saranno ammessi al percorso formativo con esonero dalle attività del secondo anno e dall’acquisizione dei crediti previsti per il secondo e terzo anno.

One Comment

  1. Piero Magi settembre 26, 2017

    Sarebbe ora che i docenti di terza fascia abilitati e non abilitati con sevizio almeno 180 giorni fossero immessi nella scuola . A questi docenti non servono piu’ concorsi spreco di soldi e tempo la gavetta l’hanno fatta ,bisogna farli lavorare avete capito ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.