decalogo

Accade a Biella, nello storico Istituto Tecnico Industriale intitolato a Quintino Sella. Il dirigente scolastico Gianluca Spagnolo si è fatto promotore del decalogo contro l’uso dei telefonini in classe. Gli studenti pizzicati saranno mandati ai lavori “forzati”. Per carità niente palla al piede e catene, dovranno semplicemente aiutare le bidelle a pulire i corridoi dell’istituto.

La punizione non scatta subito

decalogo

Il nuovo decalogo di soli tre pagine, ma con regole chiare e precise spiega che lo smartphone in classe deve rimanere spento, se lo studente viene pizzicato, il docente sequestra il telefonino e lo consegna in vicepresidenza. Sarà conservato in cassa forte e consegnato ai genitori. Lo studente pizzicato per la seconda volta sarà sospeso con l’obbligo di frequenza e “condannati” a pulire i corridoi della scuola o a dare una mano in segreteria a riordinare faldoni.

Se l’allievo invece viene sorpreso a consultare un telefonino durante un compito in classe, il docente ritirerà il compito e non lo classificherà, lo studente inoltre perderà la possibilità di recuperare il voto  a fine quadrimestre, ma potrà farlo a fine anno quando si concentreranno la maggior parte del prove finali.

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.