Press "Enter" to skip to content

I TESTI UFFICIALI DELLA NUOVA REVISIONE DELLE CLASSI DI CONCORSO

Share

Riportiamo su InformazioneScuola.it la sintesi, prodotta dalla FLC Cgil, dell’incontro che si è tenuto al MIUR avente come oggetto la revizione della classi di concorso. In calce all’articolo potete scaricare i testi ufficiali prodotti dal MIUR che contengono le nuove tabelle e alcune precisazioni.

Nel corso dell’incontro – scrive il sindacato –  oltre a segnalare alcuni refusi e le criticità presenti per numerosi insegnamenti ed in particolare per quelli di nuova istituzione dei Licei musicali e coreutici, abbiamo sottolineato le seguenti questioni di carattere generale:

È opportuno che i provvedimenti di merito sull’utilizzo del personale, le riconversioni, eventuali atipicità residuali siano condivisi al tavolo sindacale e siano predisposti in tempi rapidi per accompagnare il provvedimento.
Va prevista una clausola di salvaguardia che permetta di correggere/ integrare il provvedimento in tempi rapidi, per eventuali errori o per l’istituzione di nuovi titoli di studio.
È anche opportuno che sia chiarito se è previsto il mantenimento degli ambiti disciplinari della tabella A già previsti dal DM 354/98 o ne sia prevista una integrazione/aggiornamento.
Nella futura gestione delle atipicità (che comunque permangono, anche se in numero più ridotto) è necessario che le indicazioni sulle procedure da seguire (specie in presenza di classi di concorso indicate ad esaurimento per i vari insegnamenti) siano esplicitate maggiormente e rese più cogenti per evitare le situazioni anomale determinatesi negli scorsi anni.
Andrebbe meglio chiarito il rapporto tra progettazione e laboratorio nei Licei artistici.
La gestione delle opzioni da parte dei docenti a tempo indeterminato per le nuove classi di concorso andrebbe declinata con uno specifico provvedimento da correlare al contratto sulla mobilità del personale che salvaguardi, come già previsto anche i docenti a tempo determinato impegnati da anni su tali discipline.
Vanno meglio precisate le differenze tra le diverse tipologie di “esaurimento” indicate nelle tabelle, per rendere più chiaro l’intero impianto.
Va chiarito che per i docenti di laboratorio (ITP), ai fini della partecipazione ai concorsi, non è richiesto il possesso dell’abilitazione, non esistendo uno specifico percorso.

Anche le altre organizzazioni sindacali hanno segnalato analoghe preoccupazioni.

Sulle varie questioni abbiamo consegnato un nutrito dossier che l’Amministrazione si è impegnata ad analizzare in previsione del prossimo incontro previsto per il 22 settembre.

SCARICA I TESTI UFFICIALI

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.