mercoledì 5 Ottobre 2022
HomesindacatiInbsegnanti madrelingua - Il 27 presidio davanti al MIUR

Inbsegnanti madrelingua – Il 27 presidio davanti al MIUR

I lettori e CEL di madrelingua non si arrendono davanti all’inerzia dei vari governi italiani che si sono succeduti in questi 25 anni di storia italiana.

Saranno in presidio a Roma il 27 giugno prossimo davanti al Ministero dell’Istruzione, dalle ore 14.00 alle ore 16.30:

  1. per valorizzare la professionalità dell’insegnante universitario di madrelingua
  2. per chiedere che venga uniformato il trattamento a livello nazionale
  3. per chiedere il rispetto della Legge 63/2004 che definisce orario e trattamento economico e normativo della categoria
  4. per chiedere l’abrogazione l’art.26 della L. 240/2010 “legge Gelmini”
  5. per il rilancio dell’insegnamento delle lingue negli Atenei italiani nel rispetto degli obiettivi e dei parametri europei

e contro

  1. la chiusura dei Centri Linguistici di Ateneo e l’appalto ai privati
  2. la discriminazione di cui è oggetto da anni la categoria sul piano economico e normativo
  3. i licenziamenti di Cassino e il dimezzamento dello stipendio a Siena, Lecce, Catania
  4. il proliferare di iniziative di taglio alla spesa per l’apprendimento delle lingue da parte dei Rettori e degli organi di governo degli Atenei.

La FLC CGIL ritiene che, dopo la recente condanna dell’Università di Cassino e le innumerevoli sentenze a favore e in difesa dei diritti acquisiti dei lettori/CEL di madrelingua, sia urgente aprire un  tavolo di confronto per sanare il contenzioso prima che la Commissione europea riapra una procedura d’infrazione contro il governo italiano.

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...
- Advertisment -

altre news