Press "Enter" to skip to content

NoiPA, cedolino dello stipendio di gennaio 2018 e arretrati

Share

Rinnovo del contratto, quando gli arretrati su NoiPA?

Cedolino dello stipendio di novembre 2017, tutte le date di NoiPa

NoiPA – Il rinnovo del contratto degli statali è stato già siglato dal governo e dai sindacati, all’appello manca ancora il comparto scuola e della sicurezza. Proprio in questo mese sono fissati gli incontri all’Aran per definire la parte economica e la parte normativa del nuovo CCNL. La firma del contratto prevede anche l’erogazione degli arretrati, pochi a dire il vero poiché la beffa della vacanza contrattuale permetterà di recuperare solo alcune mensilità.

L’aumento medio lordo – è bene sottolinearlo – sarà di 85 Euro, in tasca ai lavoratori verrà molto meno e la novità è che sarà commisurato al reddito e al merito del dipendente PA. Ciò significa che molti avranno in tasca davvero pochi spiccioli, come ad esempio il personale ATA che rischia di ritrovarsi sul cedolino dello stipendio meno di 30 Euro al mese, meno di un caffè al giorno.

Il cedolino di gennaio 2018 pubblicato da NoiPa non conterrà gli arretrati

Il rinnovo del contratto varrà per il triennio economico 2016-2019 dunque l’amministrazione dovrà riconoscere gli arretrati, al netto della vacanza contrattuale, ai dipendenti della PA. In soldoni la cifra erogata per ogni dipendente statale sarà di circa 450 Euro, una miseria. Non è ancora nota la data di erogazione da parte di NoiPa. Gli aumenti invece saranno erogati con il cedolino dello stipendio di marzo 2018

Le date di NoiPa di erogazione degli stipendi di gennaio 2018 della pubblica amministrazioni sono le seguenti:

  • martedì 23 gennaio 2018: comparto scuola, personale amministrativo dalle direzioni provinciali del Tesoro con ruoli di spesa fissa;
  • mercoledì 24 gennaio 2018: restante personale statale;
  • venerdì 26 gennaio 2018: personale insegnante supplente temporaneo.

Altre invece sono le date di pubblicazione del cedolino della pensione degli ex dipendenti pubblici ora amministrati dall’INPS, Istituto Nazionale Previdenza Sociale.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.