HomeNotizieNuovo decreto aiuti 2022, ecco i bonus bollette

Nuovo decreto aiuti 2022, ecco i bonus bollette

spot_img

Il nuovo decreto aiuti porta in dote 6miliardi di euro, in particolare sarà erogato il nuovo bonus bollette, iniziamo ad analizzare tutte le novità.

Superbonus al 110% ma perdura l’intreccio della cessione del credito

Con il Superbonus al 110% lo Stato rimborsa l’intera spesa, regalando un 10% in più a chi fa interventi per ottimizzare lo sfruttamento delle fonti energetiche o antisismici. Con questo aiuto un cittadino poteva recuperare subito i soldi spesi nell’intervento edilizio, cedendo ad un altro soggetto, come le banche, finanziarie o imprese, il credito sviluppato nei confronti dello Stato. Morale della favola è che i prezzi dei materiali si è alzato oltremisura e il rimborso è diventato superiore alla spesa sostenuta per effettuare i lavori. Il Movimento 5 Stelle ha fornito un altro emendamento al decreto Aiuti-bis, contrastato dagli altri partiti, di conseguenza si rischia un rinvio per il nuovo decreto Bollette.

Bonus sociale per le bollette e presupposti per le rate

Sul tavolo dei tecnici del Tesoro si trova l’ipotesi del prolungamento della rateizzazione delle bollette fino all’ultimo trimestre 2022. Questo intervento non è a costo zero per lo Stato; infatti, il precedente è costato un miliardo e bisogna anticiparlo alla filiera elettrica. I sindacati, spaventati che il caro energia porti ad un aumento notevole dei fermi di produzione nelle fabbriche e dunque ad un pesante ricorso agli strumenti di sostegno sociali, chiedono una possibile replica della «Cig scontata», come è stato fatto lo scorso marzo con il primo decreto Aiuti. Se questo avvenisse, si azzererebbero le «aliquote addizionali» a carico delle imprese. Alcune fonti rivelano la difficoltà di inserirla nel decreto in formazione e, inoltre, il provvedimento non consentirebbe di utilizzare anticipatamente gli aiuti economici messi a disposizione dallo Stato. Diversamente il bonus sociale per le bollette è confermato per chi ha un Isee fino a 12mila euro.

Bar e ristoranti potranno accedere al credito d’imposta

Il governo starebbe pensando ad un prolungamento delle garanzie sui prestiti per tutto il 2022. Però, queste garanzie, non riguarderebbero le utility, che invece lo richiedono a squarciagola perché esposte con le banche per la liquidità aggiuntiva determinata dall’aumento dei prezzi del gas. Le associazioni chiedono che sia lo Stato il garante di ultima istanza come avvenne per i primi mesi della pandemia. Mentre è confermato che i tecnici del Tesoro stanno invece ragionando sul credito d’imposta con un’aliquota al 25% per le imprese per il conto energia. Si suppone di rafforzarlo con due possibili interventi, ma dipenderà dall’importanza delle coperture finanziarie. Si ipotizza di alzare l’aliquota fino al 40%, ma questo è in fase di valutazione. Quello che è complesso da realizzare, invece, è trattare con le aziende energivore anche con chi consuma meno di 16 chilowattora. In questo momento per loro si applica un’aliquota del 15% di credito d’imposta, ma si chiede di alzarla al 50%.

Ecco tutti i testi per prepararsi al concorso straordinario 2022 della scuola

Iscriviti al nostro canale Telegram e riceverai gli aggiornamenti in tempo reale.

https://t.me/informazionescuola

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.
Seguiteci anche su Twitter
informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news