HomeConsulenza e informazioneSBC: ora il contratto deve essere firmato subito

SBC: ora il contratto deve essere firmato subito

Rinnovo del contratto della scuola, è ora!

spot_img

Per il CCNL della scuola non ci saranno risorse aggiuntive nella Legge di Bilancio 2023, dobbiamo essere realisti in questa particolarissima congiuntura le priorità sono altre, quindi secondo SBC, lo stiamo ribadendo da mesi ormai, bisogna chiudere assolutamente il CCNL 19/21 con le risorse messe a disposizione dai governi nella precedente Legislatura. Bisogna farlo al massimo entro la fine dell’anno e non aspettare il 2023.

Alle chiacchiere della campagna elettorale SBC non ha mai dato credito, anche perché nessun partito nel mese di luglio e agosto ha mai detto come avrebbe finanziato gli aumenti che prometteva per carpire il voto degli insegnanti e delle loro famiglie, oltre un milione di elettori capaci di muovere un bacino di 5/6 milioni di voti.

Ora la campagna elettorale è finita, il 25 settembre gli italiani hanno votato, c’è una maggioranza abbastanza solida, c’è un governo che ha ottenuto la maggioranza dei due rami del Parlamento, c’è un nuovo Presidente del consiglio e un nuovo Ministro dell’Istruzione e ora anche del Merito, quindi è ora di chiudere questa partita dopo circa tre anni.

Gli aumenti sono pochi e vergognosi ma devono subito arrivare nelle tasche delle lavoratrici e dei lavoratori della scuola insieme agli arretrati e a fronte delle poche risorse messe sul tappeto dal Governo bisogna limitare al minimo le variazioni della parte normativa del contratto di lavoro.

Intanto bisogna impostare la lotta contro il grande problema della storica compressione salariale degli insegnanti in Italia in uno scenario economico diverso e prima sconosciuto con un’inflazione che oggi supera il 9% e su questo vanno spronati ovviamente il nuovo Ministro dell’Istruzione e del merito Valditara , il nuovo Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e soprattutto il Mef con Giorgetti, su questo mi auguro ci sia l’impegno da subito dei sindacati maggiormente rappresentativi e dell’opposizione da cui ci aspettiamo un’attenzione politica diversa sulla scuola da parte dei partiti che nella diciottesima legislatura erano al governo ( il M5s di Conte e il PD del/la segretario/a che verrà) , ma soprattutto la questione dovrà essere posta dagli insegnanti stessi che dovranno chiedere attraverso l’arma della mobilitazione il riconoscimento del loro merito e dei loro meriti che non sono da dimostrare a nessuno o da valutare ma da riconoscere economicamente come avviene da tempo negli altri Paesi europei. Gli insegnanti francesi che hanno uno stipendio ben superiore a quello degli italiani chiedono insieme agli altri lavoratori aumenti stipendiali del 10%.

Il contributo dato dagli insegnanti italiani nella disorganizzazione generale di un Ministero allora retto da incapaci durante la pandemia da Covid Sars 2, i meriti che essi si sono conquistati sul campo assicurando il diritto allo studio a milioni di studentesse e di studenti, non è stato riconosciuto da nessuno, e questa una cosa di per sé vergognosa, come vergognosa è stata la sospensione degli insegnanti che hanno scelto di non vaccinarsi.

Prendiamo gli aumenti e gli arretrati, non lamentiamoci, e iniziamo una lunga stagione di lotta per il riconoscimento dei nostri meriti. Alla piazza virtuale gli insegnanti devono sostituire la piazza reale, quando gli insegnanti in Francia fanno sciopero lo fanno al 70/80%, in Italia il 30 maggio contro il DL 36 e per il rinnovo contrattuale hanno scioperato solo 2 insegnanti su 10.

Libero Tassella SBC

Ecco tutti i testi per prepararsi al concorso  

InformazioneScuola grazie alla sua seria e puntuale informazione è stata selezionata dal servizio di Google News, per restare sempre aggiornati sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui.

Seguiteci anche su Twitter
informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news