Press "Enter" to skip to content

Diplomati magistrali, il mini concorso potrebbe essere la soluzione

Share

Diplomati magistrali, in arrivo il mini concorso?

immissioni in ruolo da gae

Lo sciopero di ieri non ha causato i disagi sperati anche perchè il fronte è stato da tempo diviso. Il Dividi et Impera non è stato messo in atto solo da chi governa, ma anche da chi ha promosso ricorsi per alcune fette di lavoratori con la conseguenza di metterli gli uni contro gli altri. Ieri, infatti, hanno scioperato circa 20 mila maestre, le “vittime” del Consiglio di Stato. In cattedra vi erano tutte le altre, ovvero i laureati in Scienze della Formazione Primaria, le maestre che hanno vinto il concorso e che sono scavalcate dalle ricorsiste, questo ha fatto in modo che il disagio è stato contenuto, al Sud ad esempio non se ne è accorto quasi nessuno, probabilmente perchè il numero maggiore di precari occupa le cattedre del Nord. Insomma, il fronte frastagliato causa disagi frastagliati, quasi inesistenti. Dividi et impera, appunto.

Diplomati magistrali, quale possibile soluzione?

Nonostante la scarsa adesione allo sciopero, le maestre hanno ottenuto un’importante visibilità. I COBAS si sono fatti carico della loro protesta e ne hanno saputo dare massima rilevanza al punto che ieri tutti i media hanno dedicato un importante spazio alla protesta, oggi ne scrivono tutti i quotidiani. Il Messaggero, ad esempio, parla di una possibile soluzione al vaglio del governo: una sorta di mini concorso dedicato esclusivamente ai diplomati magistrali senza laurea, questo per metterli alla pari con le maestre laureate in Scienze della Formazione Primaria. Potrebbe essere questa la soluzione politica, dopo il fallimento dei ricorsi, richiesta da più parti. La stessa Anna Maria Santoro della Flc-Cgil la invoca dichiarando che “Si doveva intervenire prima di tanti ricorsi” dimenticandosi che anche il suo sindacato ha presentando ricorsi a favore dei diplomati magistrali.

Summary
Review Date
Reviewed Item
Diplomati magistrali, la soluzione politica è il mini concorso?
Author Rating
51star1star1star1star1star

One Comment

  1. Vincenza gennaio 10, 2018

    Beh l’idea è buona, però teniamo in debito conto che qualsiasi modalità di formazione non può in alcun modo avvicinarsi allo studio, all’impegno, al sacrificio, nonché ai costi economici, di un intero corso di laurea magistrale fatto da 46 esami, 500 ore di tirocinio, ore incalcolabili di laboratorio, prove, colloqui, relazioni, tesi e tesine in quattro anni di università. Date a Cesare quel che è di Cesare per favore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.