Press "Enter" to skip to content

Scarica le commissioni d’esame di stato 2017

Share

Finalmente il MIUR ha reso noti i nominativi dei commissari d’Esame di Stato 2016/2017

Dopo le segreterie scolastiche che le hanno viste ieri in anteprima è la volta dei docenti e degli studenti, particolarmente interessati a conoscere chi li esaminerà. Per consultare le commissioni d’esame di maturità 2016/2017, occorre collegarsi al format predisposto dal MIUR. Si tratta di una pagina che consente di selezionare la provincia, la scuola e quindi risalire alla propria commissione d’Esame.

Su qualche quotidiano invece già da ieri era possibile scaricarle, sull’edizione palermitana di Repubblica, ad esempio, Salvo Intravaia già ieri ha messo a disposizione dei lettori tutti i nominativi dei commissari esterni e i presidenti che compongono le 300 commissioni esaminatrici di Palermo e provincia. I candidati del capoluogo siciliano e della sua popolosa provincia sono 11,461. I nominativi dei commissari e l’assegnazione alle commissioni sono frutto dell’elaborazione del sistema telematico del Ministero. Il cervellone si basa su un potente algoritmo analizza diversi fattori e variabili consegnando poi alle alle scuole italiane tutti i nominativi che compongono la commissione d’esame e i rispettivi presidenti.

Mancano commissari d’Esame, è possibile candidarsi con la messa a disposizione

Alcuni ex provveditorati hanno invece già evidenziato che con molta probabilità avranno dei posti da commissario d’esame vacanti e invitano i docenti privi di nomina ad inviare la propria candidatura attraverso la domanda in carta semplice di messa a disposizione. A tale proposito noi di informazionescuola avevamo dedicato un dettagliato articolo di approfondimento, mettendo a disposizione dei lettori anche un modello di domanda, da compilare e inviare ai vari Uffici scolastici territoriali. Le province che hanno già chiesto la disponibilità sono: Alessandria, Asti, Avellino, Bari, Benevento, Bergamo, Biella, Bologna, Catania, Catanzaro, Como, Crotone, Cremona, Cuneo, Firenze, Foggia, Frosinone, Grosseto, La Spezia, Latina, Lecce, Liguria, Livorno, Macerata, Massa Carrara, Messina, Milano, Monza, Napoli, Palermo, Padova, altri ancora hanno pubblicato l’avviso sul portale istituzionale, consigliamo ai nostri lettori interessati di monitorare il portale dell’UST della provincia di residenza.

 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.