Un paese civile deve sapersi prender cura dell’infanzia e della sua scuola. Invece in Italia le difficoltà aumentano di giorno in giorno anche per questo segmento di scuola. A causa della crisi e delle difficoltà delle famiglie e degli Enti locali, a causa dei tagli e dell’impoverimento della scuola pubblica.

Ma proprio nell’investimento in istruzione e, segnatamente, nella scuola dei piccoli, quella che comincia a tre anni, si fonda una prospettiva di uscita dalla crisi, si radica la possibilità di un futuro migliore, per i singoli e per la società tutta.

Occorrono fatti, politiche, orientamenti concreti. La FLC indica un obiettivo preciso: aumentare del 10% il numero di sezioni di scuola statale attualmente funzionanti. In cinque anni, con l’apertura di 500 nuove sezioni l’anno, l’obiettivo è raggiungibile.

Pubblichiamo l’odg approvato dal Comitato Direttivo Nazionale del 29 aprile 2013.

Share

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

2.791 Commenti di spam bloccati finora da Spam Free Wordpress

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.