HomePrecari della ScuolaAggiornamento graduatorie ATA e docenti 2017, il MIUR convoca i sindacati

Aggiornamento graduatorie ATA e docenti 2017, il MIUR convoca i sindacati

Aggiornamento delle graduatorie di istituto del personale docente e per i profili ATA triennio 2017/2020. Sindacati convocati dal MIUR, presto il decreto

spot_img

Come avevamo già annunciato in un nostro articolo, dopo l’aggiornamento delle graduatorie di Trento sarà la volta delle altre province italiane.

La notizia di oggi è che il MIUR ha convocato le sigle sindacali per limare alcuni aspetti, prima della sua emanazione, del decreto che permetterà sia l’aggiornamento del punteggio dei precari, che i nuovi inserimenti in terza fascia di istituto.

Non è ancora chiaro se la volontà del governo sia quella di emanare contemporaneamente il decreto che aggiorna le graduatorie per il triennio 2017/2020 sia del personale ATA che dei docenti. L’auspicio è che sia emanato in due momenti distinti per non ingolfare le segreterie scolastiche già oberate di impegni.

Aggiornamento delle graduatorie ATA e docenti, convocati i sindacati, si discuterà della tabella valutazione titoli

Uno dei punti caldi riguarda la tabella valutazione titoli dei docenti. Proprio nei giorni scorsi si era espresso il CSPI il quale non aveva esitato a puntare il dito sulla giungla di attestati e titoli che fanno punteggio. Il parere formulato è di snellire tale tabella, non è dato sapere se il MIUR ha accolto o meno le indicazioni del Consiglio Superiore dell’Istruzione, lo scopriremo con l’emanazione del decreto.

Intanto i precari lamentano sui social di avere già speso centinaia di Euro per acquisire titoli da utilizzare appunto per l’aggiornamento delle graduatorie di istituto e scalare qualche posizione, altri invece sono felici che forse si mette fine al mercato delle “vacche” e alla guerra fra poveri.

Leggi anche

Aggiornamento delle graduatorie di seconda e terza fascia 2017, le ultime notizie

informazione scuola telegram

Informazione Scuola, le Ultime Notizie della Scuola in un click.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

altre news