Press "Enter" to skip to content

Diplomati magistrali, in Puglia al via i licenziamenti?

Share

La Puglia ha già applicato la sentenza del Consiglio di Stato

Brutte notizie per chi sperava di salvarsi dopo la sentenza del Consiglio di Stato riunito in Adunanza Plenaria, la regione Puglia sta già applicando la sentenza?. A darne notizia è il quotidiano La Repubblica edizione di Bari.

riserva T
A nulla sono dunque valse le rassicurazioni della ministra Fedeli che assicurava di aspettare parere dell’avvocatura dello Stato prima di fare qualsiasi mossa. In Puglia si licenzia e si depenna dalle GaE? E’ la conclamazione del fallimento dei ricorsi? Probabilmente si, anche se le maestre e i maestri precari non ci stanno e in massa hanno protestato davanti la sede dell’USR pugliese, ma a nulla è valso. L’UST di Lecce ha già emanato una nota indirizzata ai dirigenti scolastici delle scuole pugliesi con la quale chiede di stipulare supplenze solo fino al 30 giugno e per di più non saranno convocati i diplomati magistrali inseriti con riserva T nelle graduatorie ad esaurimento.
E’ inutile nascondere lo sconforto ci centinaia di maestre che in questi anni hanno sostenuto spese enormi nella speranza di vincere il ricorso e di ottenere la stabilizzazione lavorativa, molti di loro hanno famiglia, altri sono monoreddito e l’insegnamento è l’unica possibile via.

A scanso di equivoci precisiamo che la giornalista Dipinto non ha parlato di licenziamento, sono le nostre logiche supposizioni poiché l’applicazione della sentenza della Plenaria significa anche lo scioglimento della riserva T e il licenziamento di chi è stato immesso in ruolo con riserva. Intanto, l’UST di Lecce ha fatto un passo indietro annullando la nota.

Summary
Review Date
Reviewed Item
La Puglia licenzia i diplomati magistrali
Author Rating
51star1star1star1star1star

2 Comments

  1. Nunzia gennaio 13, 2018

    Si rilegga uno scritto prima di pubblicarlo.
    Hanno protestando!!!

    • Ultime Notizie Post author | gennaio 13, 2018

      Grazie, i refusi fanno parte del nostro lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.