Press "Enter" to skip to content

Docenti italiani, per voi si chiude un annus horribilis, ma quello che arriva potrebbe essere peggio

Share

Non c’è mai fine al peggio? E’ triste ammetterlo ma è così. Il 2015 è stato un anno terribile per la scuola italiana, ma il nuovo anno, il 2016, potrebbe essere addirittura peggiore.
L’anno che ci stiamo lasciando alle spalle è stato horribilis perchè: è stata varata la legge 107 definita la “buona scuola”, in realtà è una pessima scuola e vi spieghiamo in seguito i motivi, però vi invitiamo a diffidare sempre quando l’Esecutivo cerca di indorare la pillola!
La legge 107 è stata calata dall’alto e voluta a tutti i costi e senza sentire il parere di nessuno, da Renzi e dai suoi suggeritori che si tengono ben nascosti. Questi personaggi ormai si affidano a dei “pirla” qualsiasi e li manovrano come marionette. La legge, per chi se lo fosse dimenticato, è stata varata a colpi di fiducia!
Fra gli aspetti più devastanti della riforma vi è la precarizzazione di massa di chi è già in ruolo e di chi pensa di esserlo diventato, cadranno tutte le regole che fino ad oggi hanno sorretto l’impalcatura!
Non sono bastati gli scioperi di tutte le sigle, non è bastato il movimento di protesta diffuso dei lavoratori appartenenti alle sigle sindacali, ma anche quelli “liberi”. Renzi doveva portare a casa il risultato e lo ha fatto sulla pelle di voi tutti.
Inizia l’era dei dirigenti padroni che assumeranno a loro piacimento con la famosa chiamata diretta e chi è già assunto dovrà dimostrarsi “ossequioso” altrimenti rischia pesantemente.

Ma come abbiamo anticipato, il peggio potrebbe arrivare con il 2016. La famosa buona scuola assegna al governo deleghe importantissime fra le quali: riforma dell’orario di servizio dei docenti, potrebbe essere rivisto aumentandolo; la riforma del sostegno, qui non si capisce cosa succederà; l’unificazione della scuola dell’infanzia con i nidi e tante brutte cose ancora.

A questo punto la domanda la facciamo a voi: cari docenti riuscirete con il vostro senso critico, con la vostra cultura e con le vostre penne ad arginare questo terribile tsunami che sta per abbattersi su di voi?

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.