Press "Enter" to skip to content

Fioccano i ricorsi per gli ITP, ne vale la pena?

Share

Diploma abilitante ITP

Fioccano i ricorsi per gli ITP, ne vale la pena?

Sulla questione del diploma abilitante degli ITP in rete si leggono diverse posizioni c’è chi sostiene che il titolo non è abilitante, altri invece l’esatto contrario, poi ci sono alcuni che probabilmente hanno interesse a promuovere azioni legali e a raccogliere adesioni, poi ancora piccole o piccolissime associazioni magari nate all’ultimo momento che promettono azioni legali miracolose, ma sarà davvero così facile come dicono? A nostro parere no. La via per ottenere una sentenza che riconosca il valore abilitante del titolo non solo è tortuosa, ma anche estremamente difficile (e costosa?), per una serie di riforme che negli anni hanno rivisto il profilo professionale dei docenti di laboratorio ITP riconoscendogli in pieno il ruolo di docente con pari oneri ed onori e per onori intendiamo l’acquisizione dell’idoneità o dell’abilitazione all’insegmamento al pari dei loro colleghi laureati. A questo va aggiunto che di recente la giurisprudenza ha anche cambiato direzione e se ne sono accorti anche i diplomati magistrale che ancora oggi attendono gli esiti definitivi della plenaria per sciogliere la riserva T.

ITP e ricorsi

In un nostro recente articolo abbiamo riportato il parere della Commissione Europea dato alla petizione promossa dal sindacato SAESE attraverso la quale chiedeva il riconoscimento dell’abilitazione del diploma tramite l’applicazione di una direttiva europea (2013/55/UE), petizione respinta. Tale bocciatura checchè se ne dica costituisce un precedente che probabilmente ha infastidito chi promuove i ricorsi. Ma una notizia è una notizia e una bocciatura resta una bocciatura e va raccontata. E’ anche vero (incoraggia qualcuno) che tentar non nuoce e allora se volete tentare un ricorso affidatevi a professionisti seri e non ad associazioni sorte all’improvviso e probabilmente messe in piedi da chi con la scuola ha poco o nulla da spartire che per promuoversi si affidano a siti e sitarelli maestri del copia ed incolla. Provate a chiedere una consulenza anche alle sigle sindacali più blasonate o a chi in questi anni ha dato dimostrazione, sentenze alla mano, ma tutte le sentenze anche quelle perse e mai pubblicizzate, che vi siano davvero le condizioni per ottenere il riconoscimento del valore abilitante del diploma e di non spendere quattrini inutilmente. Ricordate inoltre che un conto è la sospensiva che ha permesso i diplomati ad essere ammessi con riserva al recente concorso, un altro conto è il riconoscimento del titolo abilitante. E’ inutile ribadire come la pensiamo e a quanto il nostro pensiero è in linea con quella ufficiale degli ITP stessi. Scettici anche loro.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.