Questa storia parte da due denunce. Siamo nel 2011 e all’ateneo di Firenze una ricercatrice precaria scopre che le assegniste di ricerca non hanno diritto alla tutela della loro maternità. Ne scriviamo a quattro mani su il manifesto, i sindacati (Flc.-Cgil e il coordinamento dei precari) si muovono subito dopo e, tempo un anno, il senato accademico dell’ateneo comunica di avere abrogato la norma discriminatoria sulla sospensione degli assegni di ricerca in caso di maternità delle ricercatrici. Anche nell’università, che è un mondo a parte e i precari non vengono percepiti come lavoratrici e lavoratori titolari di diritti e persone che hanno desideri e bisogni, inizia a penetrare la realtà. Quella che vivono milioni di «atipici», lavoratrici autonome, collaboratori nelle pieghe dell’economia della precarietà.
A gennaio di quest’anno, questa volta all’università di Pavia, un coraggioso gruppo di assegniste di ricerca ci contatta su un altro aspetto della condizione del freelance della ricerca. Sul loro blog gasp11.blogspot.it descrivono la condizione che le accomuna ad almeno 1,5 milioni di collaboratori, lavoratori autonomi a partita Iva, iscritti alla Gestione Separata dell’Inps. La loro posizione previdenziale ha più buchi di un gruviera svizzero, il loro ateneo si era semplicemente «dimenticato» di versare i contributi pensionistici per gli anni di lavoro a contratto, o con borsa di studio, svolti da queste ricercatrici.
La Cgil inviò al presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua una lettera in cui si chiedeva di accertare le posizioni previdenziali di tutti i ricercatori precari italiani. Dopo settimane di contatti e incontri, l’Inps ha stabilito che non terrà conto dei termini di prescrizione (5 anni) per chi farà richiesta di avere i propri contributi, riconoscendo dunque l’esistenza di atenei – come di aziende private – che non solo non versano i contributi dovuti, ma che evitano accuratamente di segnalarlo ai loro legittimi titolari. Per evitare la ripetizione di questi abusi l’Inps ha inoltre provveduto a modificare la procedura di accredito dei contributi per gli iscritti alla Gestione Separata, imponendo la tracciabilità nominativa dei versamenti. Da oggi gli errori contenuti negli estratti conto previdenziali individuali potranno essere corretti.
Il prossimo 5 giugno, la Cgil, il Nidil, la Flc, la Funzione Pubblica e l’Inca hanno convocato una prima giornata di sensibilizzazione negli atenei italiani e presso alcuni enti pubblici. Dalle 9 alle 13.30 saranno allestiti dei banchetti dove i sindacalisti di Fp, Nidil e Flc, offriranno una consulenza gratuita ai freelance che potranno consultare il loro estratto conto Inps individuale, richiedere integrazioni di contributi mancanti, rivendicare le prestazioni (come quella della maternità) non liquidate dall’Inps. I banchetti saranno allestiti alla Sapienza di Roma e negli atenei di Cagliari, Modena, L’Aquila, Sassari, Brescia e Palermo, oltre alle sedi dei comuni di Napoli e Livorno.
La mancanza di tutele per la maternità delle donne, e l’elusione del versamento dei contributi Inps a collaboratori, con o senza partita Iva, è una piaga diffusa anche nelle aziende dove proliferano i contratti precari.
Per i sindacati è difficile fare una stima, visto che si tratta di una forza lavoro altamente instabile e intermittente. Solo una collaborazione sistematica con l’Inps permetterebbe di seguire le traiettorie previdenziali di queste persone che nella maggioranza ignorano la loro posizione assicurativa.

 

Il Manifesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.