Il governo rimedia alla questione diplomati magistrali

contratto

Fra i tanti nodi da sciogliere vi era quello dei diplomati magistrali assunti in ruolo con ricorso (riserva T) e poi via via licenziati per via della sentenza dell’Adunanza Plenaria. Tuttavia le pronunce cautelari dei giudici amministrativi, i cui ricorsi saranno rigettati all’esito della fase di merito, subiranno la modifica dei termini del contratto di lavoro di cui sono temporaneamente titolari. I contratti a tempo indeterminato saranno così trasformati in contratti di supplenza annuale fino al 31 agosto.

Mentre per chi era in GAE con riserva ed aveva avuto un contratto di supplenza annuale , tale contratto sarà trasformato in contratto di supplenza temporanea fino al termine delle attività didattiche (30 giugno).

Tale scelta – che lascia comunque con l’amaro in bocca i diplomati magistrali – ha lo scopo di garantire almeno la continuità didattica. Va inoltre specificato che all’atto dell’esecuzione della sentenza, i docenti che risulteranno avere titolo all’assunzione a tempo indeterminato saranno assunti con decorrenza giuridica al 1° settembre scorso e con decorrenza economica dal giorno della presa di servizio che avverrà il prossimo anno scolastico.

Ricordiamo inoltre che è previsto il concorso ordinario anche per l’assunzione di maestre e maestri, ai diplomati magistrali che vogliono partecipare al concorso congligliamo di prepararsi con questi testi.